Il Gran premio di Turchia è di Valtteri Bottas e della sua Mercedes: alla partenza il finlandese scatta bene e mantiene la pole di ieri. Verstappen (Red Bull) non riesce a passarlo, ma con il secondo posto supera Hamilton (Mercedes) nella classifica del mondiale. L’inglese fa un ottima gara in rimonta, ma non va oltre la quinta posizione. Beffato Leclerc: al posto del monegasco, sul podio sale Sergio Perez (Red Bull) che si inserisce e chiude da campione. Ottavo Carlos Sainz sull’altra Ferrari.

Per Bottas è la decima vittoria in carriera. Il suo dominio è stato quasi assoluto sul circuito dell‘Intercity Istanbul Park. Il pilota finlandese ha perso la leadership solo per poco, dopo il pit-stop, illudendo Leclerc. Per alcuni giri il monegasco si è ritrovato primo, salvo doversi poi fermare anche lui ai box. Ha chiuso alla fine quarto, dietro l’olandese Verstappen e il messicano Perez. Alle sue spalle Hamilton, che partiva dall’11esima posizione in griglia ma è risalito a suon di sorpassi, e il francese dell’Alpha Tauri Pierre Gasly. A completare la top ten l’inglese della McLaren Lando Norris lo spagnolo Carlos Sainz con la seconda rossa – ottavo dopo una bella rimonta dall’ultima fila di partenza – il canadese dell’Aston Martin Lance Stroll e il francese dell’Alpine Esteban Ocon, decimo e primo dei piloti doppiati. Nella classifica iridata Verstappen ora è alla guida con 262,5 punti, 6 di vantaggio su Hamilton. Rammarico per il campione della Mercedes, che avrebbe voluto arrivare fino in fondo con le gomme, ma é stato fermato a 6 giri dalla fine per evitare una uscita che avrebbe pregiudicato la lotta per il campionato.

L’ordine di arrivo del Gran Premio di Turchia (58 giri, 309.4 km): 1. Valtteri Bottas (Mercedes), 1:31:04.103; 2. Max Verstappen (Red Bull Racing), +14.584; 3. Sergio Perez (Red Bull Racing),+33.471; 4. (3) Charles Leclerc (Ferrari), +37.814; 5. Lewis Hamilton (Mercedes), +41.812; 6. Pierre Gasly (Alphatauri), +44.292; 7. Lando Norris (McLaren), +47.213; 8. Carlos Sainz Jr, (Ferrari), +51.526; 9. Lance Stroll (Aston Martin), +1:22.018; 10. Esteban Ocon (Alpine), +1 lap.; 11. Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo Racing), +1 lap.; 12. Kimi Raikkonen (Alfa Romeo Racing), +1 lap.; 13. Daniel Ricciardo (McLaren), +1 lap.; 14. Yuki Tsunoda (Alphatauri, +1 lap.; 15. George Russell (Williams), +1 lap.; 16. Fernando Alonso (Alpine), +1 lap.; 17. Nicholas Latifi (Williams), +1 lap.; 18. Sebastian Vettel (Aston Martin), +1 lap.; 19. (14) Mick Schumacher (Haas F1 Team), 56, +2 laps.; 20. (18) Nikita Mazepin, (Haas F1 Team), +2 laps

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1 in Turchia, Hamilton fa il tempo migliore ma viene retrocesso. Pole a Bottas davanti a Verstappen e Leclerc

next
Articolo Successivo

Flavio Briatore annuncia il ritorno in Formula Uno. Il video con Stefano Domenicali: “Sta per iniziare un capitolo nuovo…”

next