Dj Fabo disse: ‘se non mi aiuti trovo qualcuno che mi spari, non è un problema per me, al Giambellino conosco le persone giuste, non sto scherzando'”. Così l’ex radicale e tesoriere dell’associazione Luca Coscioni Marco Cappato, ospite de La Confessione, il programma condotto da Peter Gomez, in onda il 24 settembre alle 22.45 su Nove, ha raccontato il suo primo incontro con Fabiano Antoniani, noto a tutti come dj Fabo, il 40enne rimasto tetraplegico in seguito a un incidente stradale, che scelse di morire con il suicidio assistito in una clinica svizzera, il 27 febbraio del 2017. Con lui c’era proprio Marco Cappato che il giorno successivo si autodenunciò. La procura di Milano fu costretta ad accusarlo di aiuto al suicidio e per lui iniziò il processo, arrivato fino alla Consulta e conclusosi il 23 dicembre 2019 con l’assoluzione dell’attivista. “A un certo punto, Fabo ha smesso di nutrirsi, perché pensava che noi, in particolare Carmen, la mamma, e Valeria, la fidanzata, gli volessero impedire di fare quello che lui voleva, o che io magari gli stessi facendo perdere tempo – ha detto Cappato, promotore del referendum per l’eutanasia legale – Per cui, la sua determinazione su quella scelta era veramente ferrea e quelle sono state le sue testuali parole”. “L’Italia sarà davvero un paese più civile quando le persone potranno decidere di morire?”, ha chiesto ancora il direttore de Ilfattoquotidiano.it? “La Corte Costituzionale, sul mio processo, ha stabilito che anche il suicidio assistito è legale, a determinate condizioni. Quindi abbiamo fatto, secondo me, grandi passi avanti – ha risposto l’ex radicale – In quale direzione? Nell’idea che sulla vita di ciascuno, ciascuno decide. E non si può imporre una condizione di sofferenza insopportabile contro la volontà di una persona. Questo è il punto di fondo, che non dipende dalla tecnica, se mi attacchi e stacchi il respiratore, se è attiva o passiva, se lo fai tu da solo, o no, ma dipende dal rispetto della volontà individuale“. “Io qui lo dico: sono molto d’accordo con lui, per quanto riguarda il refererendum sull’eutanasia e anche quello sulla cannabis”, ha chiosato Gomez.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rita Dalla Chiesa a La Confessione (Nove) di Peter Gomez: “Berlusconi coinvolto in stragi di mafia? Non ci ho mai voluto credere, mi farebbe troppo male”

next
Articolo Successivo

Andrea Scanzi dedica L’affondo a Luca Morisi: “Se fosse successo a un altro, Salvini avrebbe usato la stessa misericordia?”

next