I test rapidi salivari “non sono al momento raccomandati” come alternativa ai tampone oro-nasofaringei perché “non raggiungono i livelli minimi accettabili di sensibilità e specificità”. Insomma: niente possibilità di ottenere il Green pass con i tamponi antigenici su saliva, come era stato chiesto più volte a gran voce dalla Lega. La stroncatura arriva dal ministero della Salute, che con una circolare firmata dal direttore generale Prevenzione, Gianni Rezza, boccia questi test come strumento utile alla diagnosi di infezione da Sars-Cov-2. Via libera invece alla certificazione verde attraverso i molecolari salivari.

I test antigenici su matrice salivare, si legge nel documento, “sono al momento esclusi dall’elenco comune europeo dei test antigenici rapidi validi per ottenere la Certificazione verde Covid-19″. Rezza ricorda che “stanno emergendo alcune evidenze scientifiche riguardo il possibile impiego di test antigenici salivari basati su misurazione con strumenti di laboratorio, che tuttavia sono ancora in corso di valutazione” per questo tipo di applicazioni.

Diverso il discorso per i test salivari molecolari. La circolare spiega che oltre al Green pass possono essere usati “nell’ambito di attività di screening in bambini coinvolti nel Piano di monitoraggio della circolazione di Sars-CoV-2 in ambito scolastico”, per lo screening dei contatti di caso “in bambini anche se la scuola non fa parte del Piano di monitoraggio”, in “operatori sanitari e socio-sanitari nel contesto degli screening programmati in ambito lavorativo” o “in individui (sintomatici o asintomatici) fragili con scarsa capacità di collaborazione”, come ad esempio anziani in Rsa, disabili, persone con disturbi dello spettro autistico.

Nella circolare, con particolare riferimento al monitoraggio della circolazione virale in ambito scolastico, Rezza ribadisce comunque che “il test molecolare su campione respiratorio nasofaringeo e orofaringeo resta, tuttora, il ‘gold standard’ internazionale per la diagnosi di Covid-19 in termini di sensibilità e specificità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carles Puigdemont torna libero e può lasciare l’Italia: niente estradizione in Spagna per il leader catalano

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’analisi dell’andamento dei dati con Brusaferro e Rezza: segui la diretta tv

next