“Non ha senso fare il bollettino giornaliero dei casi positivi. Ora siamo in una fase diversa della pandemia, siamo in una fase post-vaccino ma continuiamo a ragionare come quando il vaccino non c’era”. Lo ha spiegato l’immunologa Antonella Viola, in collegamento con Di Martedì su La7. Secondo la professoressa “il bollettino dei contagi, i tamponi nelle scuole, la quarantena sono tutte misure che andavano bene prima del vaccino per bloccare la circolazione del virus e proteggere i fragili”. Oggi, ha sottolineato, “buona parte dei fragili sono vaccinati e protetti”. Per questo, “dobbiamo iniziare a pensare che l’emergenza è finita e questa è la nuova normalità. Un bollettino di persone positive non ci dice niente, dobbiamo seguire l’andamento dei ricoveri per capire se i vaccini continuano a proteggere oppure no”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass al lavoro, il testo definitivo del decreto: per chi non è in regola niente sospensione, ma solo stop allo stipendio

next
Articolo Successivo

M5s, Prodi a La7: “Da quando è uscito Di Battista ha trovato la sua unità. Conte? Sia se stesso, cioè gestisca il Movimento con equilibrio”

next