“La politica non vuole saperne, nonostante anche la Corte Costituzionale abbia chiesto di mettere ordine in questa materia. Siamo stati anche troppo pazienti. Adesso cominceranno a dire che è troppo facile o è troppo difficile. Noi li lasciamo ai loro turbamenti e intanto verifichiamo che c’è stata una risposta popolare anche al di là delle mie più rosee aspettative, che all’inizio non erano tanto rosee. Ciò vuol dire che la gente la pensa diversamente da dentro il palazzo. Da trenta anni, prima questi temi si ignorano, poi li insultano, poi cercano di guardare altrove e poi alla fine vinciamo e tutti sono padri e madri di queste iniziative” lo ha detto la senatrice Emma Bonino intervenendo al gazebo per la raccolta delle firme per il referendum sulla legalizzazione della cannabis in piazza del Pantheon a Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum sulla cannabis, Della Vedova (+Europa): “In grandi Paesi democratici come Usa e Canada è legale e le cose vanno meglio”

next
Articolo Successivo

Venezia, “l’ossesione dell’ottimismo” in scena alla kermesse del Foglio. Brunetta: “Centomila posti pubblici l’anno. Soldi? Ce n’è fin troppi”

next