Sarà innalzata a 25 anni l’età entro la quale lo Stato francese si farà totalmente carico delle spese di contraccezione delle donne. Ad annunciarlo è stato il ministro della Salute francese, Olivier Véran. Attualmente, la Sanità pubblica copre le spese della contraccezione fino a 18 anni. “Sarà gratuita la contraccezione ormonale e le analisi necessarie per prescriverla, ma anche tutti i trattamenti e i metodi prescritti legati alla contraccezione fino all’età di 25 anni”, ha dichiarato Véran sull’emittente pubblica France 2.

In Francia tutte le spese per la contraccezione delle ragazze minorenni sono coperte dalla Sanità pubblica, nel 2020 il governo aveva esteso già la gratuità alle minori di 15 anni. “C’è un calo della contraccezione da parte di alcune giovani donne e il primo motivo – ha lamentato Véran – è quello finanziario. E’ inaccettabile”. Il limite è stato fissato a 25 anni in quanto, ha detto il ministro, “è un’età che corrisponde, in termini di vita economica, sociale e di reddito” a “una maggiore autonomia“. Per Véran, il provvedimento annunciato oggi avrà un costo di 21 milioni di euro per le casse dello Stato e sarà operativo dal 1 gennaio 2022.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, il video animato di Shortology a sostegno del referendum: “A volte solo staccando la spina può tornare il sereno”

next
Articolo Successivo

Atrofia muscolare spinale, il fumetto che racconta l’inclusione sociale e scolastica dei bambini con disabilità motoria

next