“Un pensiero alla mia attrice prediletta, Nicoletta Braschi, alla quale non posso nemmeno dedicare questo premio perché è suo: è tuo, ti appartiene”. Roberto Benigni ha voluto dedicare a Nicoletta Braschi, moglie e compagna di tanti film, il premio ricevuto all’apertura della 78esima Mostra del Cinema di Venezia, il Leone d’oro alla carriera. “Abbiamo fatto tutto insieme per 40 anni – ha aggiunto Benigni – Produzioni, interpretazioni. Ma come si fa a misurare il tempo in film? Io conosco solo una maniera per misurare il tempo: con te o senza di te”, ha detto ancora l’attore ricevendo un caloroso applauso dal pubblico presente in sala. Il premio, ha aggiunto, “ce lo possiamo dividere: io prendo la coda, il resto è tuo. Le ali, soprattutto, perché se qualcosa ha preso il volo nel lavoro che ho fatto è grazie a te”. Quindi Benigni ha parlato del loro amore: “È stato proprio un amore a prima vista, anzi a ultima vista. O meglio, a eterna vista“.

Video Facebook/La Biennale di Venezia

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mostra del Cinema di Venezia, oggi è il giorno di Paolo Sorrentino, Jane Campion, Paul Schrader: ecco cosa c’è in programma

next
Articolo Successivo

Venezia 78, “The Power of dog”: delude l’anti western di Jane Campion con un lurido e sporco Benedict Cumberbatch che mostra le sue grazie

next