The Legend of Zelda: Skyward Sword è stato sicuramente uno Zelda atipico: da una parte i molti dialoghi e filmati, dall’altra un sistema di combattimento diverso dal solito, senza tralasciare tante piccole sbavature che avevano spaccato la critica in due.

Quello che è stato uno dei capitoli più “dimenticati” della saga aveva dunque davvero bisogno di essere riproposto in una versione più fresca e rivisitata, soprattutto dal punto di vista dei comandi: essendo all’epoca uscito su Wii, erano totalmente dipendenti dai movimenti del giocatore. Migliorati dunque i comandi, offrendo sia la possibilità di sfruttare i Joycon che quella di utilizzare il pad tradizionale – opzioni offerte dalla natura ibrida di Switch -, Nintendo ha risolto un altro dei grandi problemi che affliggevano Skyward Sword: la sua estrema verbosità.

L’azione e la bellezza delle ambientazioni si scontravano spesso con enormi quantità di dialoghi e i troppi consigli di Faih, lo spirito che accompagna il protagonista ed i giocatori in questa avventura. Velocizzando i dialoghi e riducendo i consigli dello spirito il titolo è divenuto molto più fruibile per qualsiasi giocatore che sia un fan della saga o al primo Zelda giocato: ora Skyward Sword è sicuramente un titolo migliore.

Anche la grafica è stata lucidata per l’occasione, con un miglioramento generale dei modelli e la possibilità di offrire 60 fotogrammi al secondo, cosa che aiuta ad ingannare l’occhio del giocatore, in quei punti un po’ troppo “spigolosi” del gioco.

Skyward Sword in definitiva è un pezzo interessante dell’immensa storia di Zelda, forse troppo lineare rispetto a Breath of the Wild, ma dotato di uno spirito avventuroso che sicuramente piacerà a chi sta cercando un gioco che lo porti in atmosfere fiabesche, senza perdersi in meccaniche complicate ma godersi solo un viaggio, quasi una favola di altri tempi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oppo Reno 4Z 5G, smartphone di fascia media in offerta sul Web con sconti attorno al 40%

next
Articolo Successivo

5G, queste le manovre che potrebbero arrestarne l’avanzata

next