Molti leaker (quali WaqarKahnTech) sono ormai certi che il Pixel Fold sia cosa fatta e che Google debba solo decidere il momento dell’anno in cui annunciarlo. Non è detto però che “Big G” presenti il suo primo smartphone pieghevole in concomitanza dell’arrivo dei prossimi Pixel 6 e Pixel 6 Pro, è anche possibile scelga un evento staccato e dedicato.

Ma che c’è di nuovo all’orizzonte? C’è che Google ha fatto i compiti a casa e sta preparando la strada all’arrivo del prodotto foldable. Gli indizi sono contenuti nella Android 12 Beta 4.

Gli sviluppatori che “masticano codice” hanno notato che all’interno delle stringhe della nuova versione dell’App Google Camera, figurano 3 nuovi dispositivi che al momento non sono sul mercato, ergo, saranno i prossimi che saranno annunciati.

I nomi sono Oriole, Raven e Passport: i primi due sono Pixel 6 e Pixel 6 Pro in arrivo in autunno mentre il nome in codice Passport equivarrebbe allo smartphone pieghevole di Google.

Inoltre, seguendo le indiscrezioni dell’insider OnLeaks Digit In, sappiamo che Pixel Fold e Pixel 6 condivideranno la medesima piattaforma hardware. Questo vuol dire che ci sarà anche lo stesso ISP che, in questo caso, è un componente fondamentale per la produzione di ottime fotografie.

I prossimi smartphone di Google saranno dotati di Android 12 con il Meterial You. Medesimo OS per Pixel Fold che, ovviamente, includerà delle ottimizzazioni diverse per favorire e sfruttare lo speciale form factor del display che probabilmente verrà fornito da Samsung.

Il periodo più accreditato per l’annuncio d Pixel Fold è quello che va dalla fine del 2021 all’inizio del 2022. Il tipster Jon Prosser, che ha uno storico importante quando si tratta di scoop inerenti Apple o Google, ha indicato tale periodo di riferimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili