Il notebook professionale Apple MacBook Pro da 13 pollici è una soluzione che bilancia portabilità, potenza e versatilità, perfetta anche come seconda postazione per la casa. Oggi vi proponiamo la versione più recente, equipaggiata col nuovo processore Apple M1 al posto del precedente Intel Core i5. La versione con unità a stato solido da 256 GB potete trovarla da Unieuro a 1249 anziché 1479 euro. Da Amazon il prezzo è invece leggermente più alto, 1259 euro. Per quanto riguarda invece la variante con SSD da 512 GB la troviamo da MediaWorld, Amazon e Unieuro allo stesso prezzo, 1538,10 euro anziché 1709.

Il portatile è caratterizzato dalla qualità e dalla cura nel design che da sempre contraddistinguono i prodotti della Mela morsicata: scocca in lega di alluminio dalle linee essenziali e contemporanee, leggera (1,37 kg) e sottile, grazie a uno spessore di 14,9 mm. Il portatile utilizza un display Retina con pannello IPS da 13 pollici di diagonale e risoluzione di 2560 x 1600 pixel, dotato di tecnologia True Tone, che regola automaticamente il bilanciamento del bianco in base alla temperatura colore dell’ambiente circostante, assicurando così sempre un’illuminazione e colori corretti e non affaticanti per la vista.

Per quanto riguarda la piattaforma hardware invece troviamo come detto il nuovo processore proprietario octa-core Apple M1, abbinato a 8 GB di RAM e a una veloce unità a stato solido per l’archiviazione dei dati. Si tratta di una dotazione che consente di lavorare bene, non soltanto per navigare sul Web, inviare mail ed editare documenti, ma anche per effettuare lavori di editing sulle immagini o sui video, ovviamente non a livello professionale o in tempi particolarmente contenuti.

La dotazione è poi completata da due porte USB 3.0 con tecnologia ThunderBolt per il trasferimento dati ultraveloce e jack audio da 3,5 mm per le cuffie. A bordo non mancano poi i moduli WiFi 802.11ac e Bluetooth 5.0, altoparlanti stereo ad alta gamma dinamica con supporto a Dolby Atmos, batteria da 58,2 Wh che dovrebbe garantire fino a 10 ore di autonomia e, soprattutto, la TouchBar, che prende il posto dei tasti funzione fisici e li sostituisce con comandi touch più versatili, che cambiano dinamicamente a seconda dei programmi usati e del contesto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Windows 11 si aggiorna con ulteriori novità

next
Articolo Successivo

HTC ci riprova? Avvistato un tablet da 10 pollici

next