Andavano al bar e pagavano la droga con il bancomat. I carabinieri di Melegnano in provincia di Milano hanno smantellato il bar dello “spaccio 2.0”, un giro molto fruttuoso con tanti clienti. Sei le custodie cautelari emesse dal Gip di Lodi nei confronti di altrettante persone residenti tra Lodi e il sud di Milano. L’indagine era partita nel mese di settembre del 2019, dopo che alcuni cittadini del melegnanese avevano riferito di un bar in cui avveniva la compravendita di cocaina e hashish.

Delle sei custodie cautelari, un marocchino di 38 anni è finito in carcere, e un suo connazionale 41enne, soggetto della stessa misura, è attualmente irreperibile. Un uomo di 58 anni è invece stato arrestato vicino ad Olbia, in Sardegna, dove si trovava in vacanza: per lui sono scattati gli arresti domiciliari. Obbligo di dimora comminato invece a un 52enne originario di Catania, che ora risiede in provincia di Bergamo, e a un 46enne del Marocco. Infine un 44enne di Tavazzano dovrà firmare ogni giorno in un ufficio di polizia giudiziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Incendi Sardegna, il simbolo della terra è Lussurzesa. Una cerbiatta con le zampe ustionate salvata da un gruppo di cacciatori

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 6.513 contagi in 24 ore: tasso di positività scende al 2,4%. In intensiva 13 persone in più. Altre 16 vittime

next