Nessuno ha avvisato i suoi famigliari dell’autopsia, un fatto molto grave perché l’autopsia è un atto irripetibile”. Lo dice l’avvocata Debora Piazza che assiste la famiglia di Youns El Boussettaoui, ucciso da un colpo di pistola esploso dall’assessore alla Sicurezza della Lega Massimo Adriatici, due sere fa a Voghera. La legale racconta di aver seguito la vittima anche in passato. “Ultimamente aveva problemi mentali ed era stato ricoverato all’ospedale di Vercelli da dove poi era scappato – spiega ai cronisti – faremo tutto il possibile per accertare la verità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Figliuolo chiede ai governatori quanti docenti non sono vaccinati. A giugno chiese i dati sugli over 60: “Inviati solo da 8 Regioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 5.057 nuovi positivi: incidenza al 2,3%. Aumentano i posti letto occupati negli ospedali, i morti sono 15

next