“Questa è una giornata così bella, di unione, che non dedico tempo alla sinistra che vorrebbe il centrodestra diviso, non dedico tempo a queste cose… “, Matteo Salvini non fa nemmeno il tempo di pronunciare queste parole in occasione della presentazione del candidato del centrodestra alle prossime elezioni amministrative, che davanti ai suoi occhi si consuma il patatrac. L’azzurra Licia Ronzulli sta per togliere il foglio con la scritta “Fratelli d’Italia” dalla sedia riservata a Giorgia Meloni, che non si è presentata all’appuntamento, quando dalla seconda fila scatta fulmineo Ignazio La Russa che gela la collega con un perentorio: “Non me fotte un cazzo” e le strappa il foglio di mano.

Alla presentazione ufficiale del candidato sindaco di Milano Luca Bernardo, accade questo e molto altro ancora. La mattinata inizia con il forfait della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ancora irritata per le nomine Rai. Il suo posto in prima fila viene lasciato volutamente vuoto dal senatore La Russa e da Daniela Santanchè che poi dal palco attacca: “Per noi la coalizione è importante, ma vedo che a volte non lo è per gli altri”. Una frecciata non raccolta da Matteo Salvini che dopo aver negato gli screzi nel centrodestra prova a sedersi sul posto della Meloni scatenando le ire di Ignazio La Russa che attacca tutti, anche Forza Italia: “Questa mania di esibirsi, non ci piace”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Draghi in testa per la fiducia nei leader con 77 punti. Conte ne perde 9, ma è secondo insieme a Zaia. Ultimi Renzi e Grillo

next
Articolo Successivo

M5s, ho sempre creduto nell’intesa tra Grillo e Conte. Ora basta con le estreme unzioni

next