Terzo successo consecutivo per Max Verstappen in Formula 1. Il pilota olandese ha vinto il Gran Premio di Austria, nono appuntamento del mondiale, sul circuito di Spielberg dove aveva già vinto il Gran Premio di Stiria. Il pilota della Red Bull, scattato dalla pole, ha preceduto la Mercedes di Valtteri Bottas e la McLaren di Lando Norris. Quarto posto per Lewis Hamilton su Mercedes che ha preceduto la Ferrari di Carlos Sainz. Ottava la Rossa di Charles Leclerc, dietro la Red Bull di Sergio Perez e la McLaren di Dani Ricciardo. Per Verstappen, sempre più leader del Mondiale, si tratta della quinta vittoria stagionale, la terza consecutiva e l’undicesima complessiva in carriera.

Si conferma quindi lo strapotere della sua Red Bull che corona un weekend perfetto cominciato con la pole position e concluso con il primo posto sul podio. Verstappen parte bene mantenendo la posizione conquistata sabato con la pole davanti alla McLaren di Norris e al compagno di scuderia Perez. Gara subito ‘congelata’ per l’ingresso della safety car per un incidente alla Alpine di Esteban Ocon. Al quarto giro riprende la corsa con l’olandese davanti e Perez che soffia la seconda piazza a Norris salvo poi finire nella ghiaia e ripartire dalla decima piazza, alle spalle della McLaren c’è Hamilton e poi Bottas.

Davanti Verstappen comincia a martellare inanellando giri veloci cercando di distanziare gli inseguitori. Più indietro 11esimo posto per la Ferrari di Leclerc, 13esimo Sainz. Tra la Red Bull e Norris ci sono già 3 secondi di distacco con Hamilton a meno di un secondo dalla McLaren. Perde terreno Hamilton che deve superare Norris per cercare di puntare il leader del mondiale. Dietro Leclerc recupera terreno ed è ottavo davanti a Perez. Avanza anche Ricciardo che supera Vettel prendendosi la quinta posizione, il tedesco si ferma ai box per il pit-stop venendo superato da Leclerc, Perez e Sainz.

Al 20esimo giro Hamilton supera Norris che ha anche ricevuto 5 secondi di penalità per il duello precedente con Perez. Tra il 7 volte campione del mondo e Verstappen il gap è di quasi 10 secondi. Continua a premere sull’acceleratore Verstappen che porta a 11 secondi il distacco da Hamilton. Iniziano i doppiaggi mentre dietro è bagarre tra Ricciardo, quinto, Leclerc e Perez. Inizia il giro dei cambi gomme, il primo è Ricciardo, dentro anche Norris e Bottas. Grazie alla penalità Bottas scavalca l’inglese in terza posizione. Richiamato ai box anche Hamilton che mantiene la seconda posizione. Rientra anche Verstappen che grazie al vantaggio di 12 secondi resta primo. Cambio gomme per Perez che rientra decimo, dopo di lui rientra anche la Ferrari di Leclerc decimo dietro a Perez.

Al 41esimo giro ruota a ruota tra Perez e Leclerc col pilota della Red Bull che guadagna l’ottava posizione ma i giudici di gara lo penalizzano con 5 secondi. Davanti Verstappen continua a fare gara a sé mantenendo 17 secondi su Hamilton con Bottas che si avvicina al pilota britannico a 1”4. Problemi per Hamilton che non gira più sui suoi tempi. Al 47esimo giro su 71 Verstappen è al comando davanti ad Hamilton e Bottas, quarta la McLaren di Norris, quinta la Ferrari di Sainz, sesto Ricciardo, settimo Perez e ottavo Leclerc. Scintille tra Leclerc e Perez, il monegasco finisce sulla ghiaia nel tentativo di sorpasso, nuova penalità di 5” per Perez. Box per Sainz che rientra nono dietro Tsunoda subito superato dal ferrarista. Bottas supera Hamilton che ora è francobollato da Norris, al 53esimo giro l’inglese supera il 7 volte iridato che passa ai box rientrando con gomma bianca sempre in quarta posizione.

Al 57esimo giro Verstappen è al comando davanti a Bottas, Norris e Hamilton, dietro di lui la Red Bull di Perez, Ricciardo e le Ferrari di Leclerc e Sainz. A dieci giri dalla fine nuovo pit-stop per Verstappen che rientra saldamente al comando pronto per conquistare il punto extra per il giro veloce che arriva al giro 63 quando gira in 1’06”200. Inutili i tentativi di rimonta di Hamilton che da quarto vede distante 23 secondi il terzo posto ma che negli specchietti retrovisori ha sempre più vicino Perez a 6”8 anche se con la penalità di 5 secondi ancora da scontare. Sorpasso tra le ‘rosse’ con Sainz che si prende la 7a posizione ai danni di Leclerc. Quando mancano 4 giri al termine i duelli ancora in corso sono quelli per il secondo posto con Bottas avanti 2” su Norris, 4” tra Hamilton e Perez. All’ultimo giro Sainz supera Ricciardo in sesta posizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula Uno, Gp di Austria: gli orari e dove vederlo in diretta e in differita (Sky e Tv8)

next
Articolo Successivo

F1, Gp di Gran Bretagna: Hamilton in pole, Leclerc 4°. E sabato l’esordio della Qualifica Sprint: ecco come funziona la novità

next