E’ disponibile online il modulo da presentare alla banca o all’intermerdiario finanziario a cui si intende chiedere il mutuo con garanzia pubblica all’80%, come previsto dal decreto Sostegni bis. Occorre avere meno di 36 anni e un Isee non superiore ai 40mila euro. Il decreto ha potenziato il Fondo di Garanzia prima casa per consentire ai giovani di chiedere un finanziamento a copertura totale del prezzo di acquisto, cosa che le banche generalmente non fanno in assenza di garanzie. Se le rate del mutuo non vengono pagate, il Fondo potrà coprire fino all’80% della quota capitale della rata, purché l’ammontare del finanziamento sia superiore all’80% del valore della casa. In un secondo momento, tramite l’Agenzia delle Entrate Riscossione, sarà il Fondo di Garanzia a chiedere senza interessi al mutuatario la quota anticipata. Per richiedere alla banca il mutuo garantito bisogna compilare il modulo (vedi sotto) scaricabile sul sito della Consap.

Il vincolo legato al reddito vale anche in caso di acquisto da parte di due persone conviventi i cui Isee siano per entrambi inferiori ai 40.000 euro. Ad esempio, se ad acquistare la prima casa è una coppia, per poter usufruire delle agevolazioni è necessario che entrambi abbiano un Isee inferiore ai 40.000 euro (anche se la somma dei due supera il limite, l’agevolazione verrà concessa).

Il parametro Isee va rispettato anche per godere dell’esenzione dalle imposte di registro, ipotecaria e catastale sulla compravendita e dall‘imposta sostitutiva sul mutuo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acqua, la spesa media aumenta: ecco come risparmiare riducendo gli sprechi. “Ma su 100 litri 42 vanno persi per colpa di reti colabrodo”

next
Articolo Successivo

Assegno unico familiare, misura ponte al via l’1 luglio. Ecco come funziona e perché il paletto dell’Isee rischia di penalizzare il ceto medio

next