Ita, la nuova compagnia aerea che prenderà il posto di Alitalia, partirà non prima di ottobre. Rinunciando così alla stagione estiva. Mentre per risolvere il problema dei biglietti emessi ma non goduti sarà creato un fondo con risorse per i passeggeri, che potranno volare anche su altri vettori. Un modo per segnalare la “discontinuità” tra Alitalia ed Ita chiesta da Bruxelles. E’ la soluzione decisa lunedì durante la cabina di regia a Palazzo Chigi. Nel frattempo alla ex compagnia di bandiera arriverà un nuovo prestito ponte.

Secondo il Sole 24 Ore sarebbe rimandata anche la scelta dell’alleanza: con il polo guidato da Delta Air Lines, con Air France-Klm in Europa, o Lufthansa, che include United negli Stati Uniti? Un nuovo incontro tra i ministri Giancarlo Giorgetti e Daniele Franco e la commissaria danese Margarethe Vestager è in calendario per mercoledì, in videoconferenza.

Il Messaggero scrive che i commissari straordinari saranno prorogati: la scadenza di settembre verrà allungata di almeno un anno per gestire esuberi e prepensionamenti della vecchia compagnia. I tre commissari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande e Daniele Santosuosso resterebbero in carica anche per gestire al meglio la transizione degli asset verso Ita, la cui partenza è ancora da stabilire, insieme all’esito della trattativa con Bruxelles.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stop al cashback dal 30 giugno e blocco delle cartelle esattoriali fino al 31 agosto: le decisioni della cabina di regia

next
Articolo Successivo

Cashback, il governo lo cancella senza avere fatto una valutazione di impatto: lo ammette il ministero dell’Economia. Ecco i dati di utilizzo

next