“Rispetto alla Cina il comportamento di governi come quelli del G7 deve essere fondato su tre principi. Innanzitutto bisogna cooperare, poi bisogna competere. Nessuno disputa che la Cina debba essere una grande economia. Quello che è stato messo in discussione sono i modi che utilizza, è una autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo che hanno le democrazie”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa convocata al termine del vertice del G7 in Cornovaglia. “Parlando della Cina il terzo punto fondamentale è essere franchi: l’ho già detto in altre occasioni, bisogna essere franchi sulle cose che non condividiamo, Biden a un certo punto ha detto che il silenzio è complicità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mix vaccini, il no del governatore De Luca: “Linea del rifiuto in assenza di chiarezza”. Draghi: “Piano vaccinale? Non ci sono incertezze né timori che non possa andare in porto”

next
Articolo Successivo

Camilla Canepa, Draghi: “Cosa tristissima, non doveva accadere. Difficile stabilire responsabilità. Secondi dosi? Speranza ha chiarito”

next