Vendevano passaporti e documenti d’identità falsi e tra i loro clienti potevano “vantare” anche molti foreign fighter. Tra questi anche l’uomo che lo scorso 2 novembre a Vienna ha messo in atto l’attentato terroristico che ha provocato 4 morti e 22 feriti. Questa mattina, la polizia ha arrestato a Milano e in altre città della Lombardia sette persone indiziate di far parte di una organizzazione transnazionale attiva proprio nel traffico di documenti falsi. L’operazione, denominata The Caucasian Job, nasce dagli approfondimenti avviati a seguito di un’operazione antiterrorismo condotta nel dicembre 2019 dalle autorità austriache su una possibile pianificazione di attentati in Europa.

Questa ha permesso di evidenziare collegamenti con circuiti del terrorismo internazionale di matrice religiosa e, in particolare, con l’autore dell’attentato di Vienna del novembre 2020. I sette uomini sono tutti originari dell’Est Europa e gestivano i loro affari a Milano. Gli arresti sono arrivati dopo un’inchiesta condotta dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo della Procura di Milano e condotta dalla Digos in collaborazione con la Direzione centrale della polizia di prevenzione. Il tutto è avvenuto con il supporto dell’Ectc – European Counter Terrorism Centre di Europol e la collaborazione della Guardia di Finanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rifiuti Roma: il Comune cerca una discarica, la Regione vuole un sito nella Capitale. Senza intesa dal 15 giugno l’emergenza sarà concreta

next
Articolo Successivo

La lettera di Figliuolo alle Regioni: “Nulla osta agli open day AstraZeneca”. Toti pubblica il documento sui social in risposta agli attacchi

next