Mentre in Italia si pensa all’ipotesi di mixare due vaccini anti Covid diversi tra prima e seconda dose in Canada la procedura è stata autorizzata dalle autorità sanitarie. Chi ha ricevuto una prima dose del composto sviluppato dai ricercatori di Oxford e commercializzato da AstraZeneca, per la seconda può fare ricorso a Pfizer o Moderna. Allo stesso modo, le due immunizzazione basate sulla tecnologia Rna messaggero – ossia Pfizer e Moderna – possono venire alternate tra prima e seconda dose. Le autorità canadesi fanno però anche presente che sarebbe ottimale usare lo stesso vaccino per entrambe le dosi. Il mix è già autorizzato in Finlandia e ci sono studio in molti paesi per verificarne la possibilità. D

ue ricerche sono state già rese note: una nel Regno Unito e l’altra in Spagna. Nel primo caso – test su 830 persone- emerge che l’utilizzo di un mix di vaccini anti Covid (AstraZeneca e Pfizer) – sperimentato in Gran Bretagna – appare in grado di produrre una frequenza leggermente maggiore di effetti collaterali non gravi “a breve termine”, ma non comporta “preoccupazioni per la sicurezza” delle persone. o studio – sull’uso del vaccino a Rna messaggero e quello a vettore virale – non ha verificato sostanziale differenze tra la somministrazione di una prima dose AstraZeneca e un richiamo Pfizer e quella inversa. Lo studio clinico – 673 volontari – a cura dell’Istituto Sanitario Carlos III, un organismo pubblico spagnolo, ha concluso che somministrare il vaccino anti-covid di Pfizer come seconda dose a persone che hanno ricevuto la prima di AstraZeneca è sicuro e aumenta la risposta immunitaria.

“Avere la possibilità di effettuare il mix di vaccini anti-Covid tra prima e seconda dose è un’opzione interessante e c’è un’ipotesi di un effetto incoraggiante, ma ancora non ci sono dati scientifici definitivi e pubblicati in merito” sottolinea all’Ansa la presidente della Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Patrizia Popoli, rilevando che “fino a quando gli studi non verranno pubblicati non possiamo dire nulla di più e bisognerà valutare bene sia il profilo di efficacia che di sicurezza. Avere la possibilità di effettuare il mix di vaccini – ha spiegato Popoli – è una ipotesi interessante perché supporterebbe anche la flessibilità della campagna vaccinale e consentirebbe di proseguire comunque con la vaccinazione completa in soggetti che avessero già ricevuto la prima dose di AstraZeneca ma nei quali potrebbe essere più opportuno utilizzare un altro vaccino. In teoria è, dunque, una ipotesi senza dubbio interessante”. Tuttavia, precisa l’esperta, “i dati ad oggi disponibili sono limitati. È stato concluso uno studio spagnolo e si sa che i dati ottenuti sarebbero positivi anche se non sono stati ancora pubblicati, e c’è poi uno studio inglese del quale sono stati pubblicati solo alcuni dati preliminari e descrittivi mentre dati più sostanziosi con un’analisi statistica sono attesi entro giugno”. E oggi lo studio inglese è stato pubblicato su The Lancet.

Dunque, rileva, “ancora non abbiamo studi pubblicati ed i dati inglesi sono assolutamente iniziali: indicano una maggiore insorgenza di effetti collaterali lievi con l’utilizzo del mix di vaccini. Questi maggiori effetti collaterali potrebbero essere associati a una maggiore risposta immunitaria, ma questo è tutto da dimostrare”. Insomma, “fino a quando gli studi non verranno pubblicati non possiamo dire nulla di più, e bisognerà valutare bene sia il profilo di efficacia che di sicurezza. Sulla carta, ad ogni modo, se si confermasse efficace e sicura – conclude la presidente della Commissione tecnico scientifica dell’Aifa – quella del mix dei vaccini potrebbe essere una opzione molto interessante”.

Lo studio su Lancet

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, ecco LeCoVax2 il vaccino allo studio dell’Università Statale di Milano. Perché è diverso dagli altri

next
Articolo Successivo

Cristoforo Colombo, è di nuovo caccia alla patria del navigatore: l’Università di Granada studia il Dna dei suoi resti

next