di Stefano Virgilio

È molto probabile che, tra gli encomi – doverosi – alla figura di Franco Battiato, alcuni siano venuti anche da coloro a cui Battiato si era rivolto negli anni con giudizi non proprio lusinghieri. Senza fare nomi, ovviamente: bastava ascoltare con attenzione per capire che una buona fetta della classe politica attuale non poteva piacergli perché incarnava esattamente ciò che egli detestava.

E ne aveva ben donde a dire, in un’intervista, che più che a destra o a sinistra stava “sopra”, semplicemente perché voleva “essere migliore, con più volontà”: migliore, perché indignato dall’indegnità di certo potere, soprattutto di quello ignorante e arrogante, laddove invece, come gli avevano insegnato i mistici, l’umiltà e la consapevolezza della propria bassezza sono la condizione per poter salire i gradini della scala dell’esistenza. Ascoltare Battiato “davvero”, infatti, vuol dire fare un viaggio all’interno delle proprie miserie come base per costruire qualcosa di bello e significativo, riconoscendo al contempo limiti e grandezza di ciò che siamo, senza poter prescindere da nessuno di questi due poli.

Per questo, va apprezzato giustamente il Battiato-Maestro in senso musicale, che è un patrimonio a cui attingere in eterno. Ma se non si riesce, come avrebbe detto lui, a guardare la volta celeste e a chiedersi “che mai siamo?”, o a “lavorare sul carattere, per migliorarlo”, o si pensa che l’avventura umana su questa terra si riduca a una bieca ostentazione o competizione materialistica, senza porsi mai le domande fondamentali sull’esistenza e su come possiamo fare per darle dignità e ricchezza spirituale, ebbene allora si perderà il senso più autentico nel quale Battiato è un Maestro che può influenzare la vita.

E, in fondo, anche se le invettive che ha lanciato contro di loro sono tuttora insuperate per lucidità e disperata ironia, mi dispiace molto per quei “perfetti e inutili buffoni” che ne furono bersaglio, perché “si credono potenti e gli va bene”, ma non hanno provato a imparare da Franco Battiato quanto sia bello e stimolante, anche se spesso difficile, fare i conti con il Sé e prendersene cura.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Franco Battiato lascia un’Italia sommersa da immondizie musicali

next