Ha appena otto mesi ed è nato a New York: è il più giovane al mondo ad aver effettuato la doppia vaccinazione contro il Covid, con il siero di Pfizer. Lo studio clinico condotto dalla Upstate Medical University ha interessato 16 bambini nella fascia d’età compresa tra 6 mesi e 2 anni e ha coinvolto quattro ospedali in tutto il paese. Ad oggi gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo in cui è cominciata la sperimentazione su bambini sotto i 5 anni.

“Riteniamo entrambi che sia importante porre fine a questa pandemia, il modo più rapido e sicuro è vaccinarci per uscirne”, hanno spiegato su Syracuse.com i genitori del piccolo. Il periodo di studio è cominciato tre settimane fa, quando il bambino non aveva ancora compiuto otto mesi. Poi lo scorso mercoledì la seconda dose, nelle ore successive gli esami per capire che effetto ha avuto il vaccino sulla produzione di anticorpi in un soggetto di quell’età.

Mike e Marissa, genitori del più giovane vaccinato al mondo, sono entrambi medici e hanno confessato di non aver avuto nessuna paura per la salute del loro bambino. Il piccolo Vincenzo, ad ora, non ha effettivamente avuto nessun effetto collaterale. Solo il completamento degli studi potrà però offrire una panoramica più dettagliata di questa ulteriore applicazione del vaccino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attacchi informatici, il 90% delle infrastrutture energetiche è a rischio. L’esperto: “Sistemi obsoleti e vulnerabili”

next
Articolo Successivo

Gaza: da Israele nessuna prova del “nascondiglio” di Hamas nel palazzo bombardato. I precedenti di attacchi a scuole, ospedali e staff Onu

next