Una battaglia linguistica che è prima di tutto una battaglia politica. Da oggi, sull’enciclopedia Treccani, alla voce “donna” non saranno più associati sinonimi offensivi come “cagna” o “zoccola”. Tutto questo grazie alla battaglia di 100 attiviste, guidate da Maria Beatrice Giovanardi, che hanno iniziato un dibattito con la direttrice stessa del vocabolario più famoso d’Italia, Valeria Della Valle, sulle colonne di Repubblica.

“Possiamo plaudire alla prima volta di una donna alla guida del Cnr o alla guida dei servizi segreti, – dice la deputata Rossella Muroni, appartenente alla componente del gruppo Misto FacciamoECO , che ha rilanciato la notizia -, fare sinceri auguri di buon lavoro alla Carrozza e alla Belloni, ma è evidente che è ancora lunga la strada per raggiungere la parità di genere nel nostro Paese e che questa sfida passa dall’educazione e da un cambiamento culturale. Per fare qualche passo avanti nella giusta direzione sarebbe importante, come chiede l’alleanza ‘Donne per la salvezza’, prevedere misure più ampie e incisive a favore delle donne nel Pnrr”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Liguria Fratelli d’Italia ha proposto una legge per creare presidi anti-aborto negli ospedali. E per ora Toti non si esprime

next
Articolo Successivo

“Il veleno è la disinformazione, non la pillola abortiva RU486”: è partita la campagna che risponde ai Pro Vita facendo parlare gli esperti

next