Una guardia giurata di 50 anni ha ucciso la moglie sparandole alcuni colpi di pistola. Il femminicidio è avvenuto nell’appartamento della coppia, in corso Novara 87 a Torino. Stando a una prima ricostruzione degli inquirenti, la donna, 48 anni, si era separata dal marito da alcuni mesi, ma lui era rimasto a vivere nello stesso condominio per restare vicino ai figli di 25 e 16 anni. L’uomo, che non si è spostato dal luogo del delitto, è già stato fermato dalla Polizia.

“L’avevo vista dieci minuti prima – racconta all’Ansa un’amica, parrucchiera in un negozio vicino – l’avevo salutata mentre rientrava a casa con le borse della spesa. Poi ho sentito i colpi di pistola”. Secondo quanto riferito da alcune testate locali, l’arma utilizzata dal vigilante era quella di servizio, regolarmente detenuta e ora sotto sequestro. L’episodio è avvenuto in un palazzo nella parte nord della città, non lontano dal Cimitero Monumentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenta una 12enne e la minaccia per evitare la denuncia: in carcere giovane nel Milanese. Si erano conosciuti su Instagram

next
Articolo Successivo

Torino, trovato cadavere carbonizzato in un campo agricolo a Stupinigi

next