L’italianità della Hongqi Serie S9 sarà questione di forma ma anche di sostanza: la supercar elettrificata, infatti, è stata disegnata dal celebre Walter de Silva, maestro del design che ha diretto lo stile dell’intero gruppo Volkswagen. Inoltre Silk-Faw (joint venture tra Silk EV, società internazionale di ingegneria, e Faw, uno dei maggiori produttori automobilistici cinesi), detentrice del marchio Hongqi, ha ufficializzato che la costruzione dell’automobile in questione avverrà nel cuore della Motor Valley, nell’area di Gavassa, a nord di Reggio Emilia. Qui è programmato un investimento da circa un miliardo di euro per la realizzazione di un sito produttivo e di un centro di ricerca e sviluppo. Ne scaturiranno un migliaio di posti di lavoro, più altre migliaia nell’indotto. L’avvio della produzione – di cui dovrebbe far parte pure un Suv – è previsto per il 2023.

Silk-Faw ha pure annunciato la nomina di Amedeo Felisa come Special Advisor del Presidente di Silk-Faw, Jonathan Krane, e membro del Senior Advisory Board. Felisa guiderà la definizione della strategia globale della società e supervisionerà l’esecuzione di tutte le fasi del business plan. Il nome di Felisa è arcinoto alle cronache per via del suo passato in Ferrari, dove ha speso 26 anni della sua quarantennale carriera, ricoprendo pure il ruolo di amministratore delegato e membro del cda.

“Siamo felici di dare il benvenuto ad Amedeo Felisa, uno dei manager più esperti nel settore automotive: nella sua lunga carriera ha gestito l’intero ciclo di vita, dalla progettazione alla commercializzazione, di innumerevoli modelli di auto che hanno ridefinito gli standard in termini di prestazioni, qualità e design del settore”, spiega in una nota ufficiale Jonathan Krane.

“La mia passione per le vetture ad alte prestazioni mi porta ad accogliere con grande favore l’opportunità di lavorare con Silk-Faw per sviluppare la prossima generazione di vetture premium”, ha commentato Amedeo Felisa: “Il nostro investimento nella Motor Valley costituisce per l’area un contributo di lungo periodo. Stiamo attraendo i migliori talenti dell’ingegneria e del settore automotive, grazie ai quali, attraverso la nuova serie “S” di Hongqi, accresceremo il livello delle abilità a livello ingegneristico e tecnico per un prodotto di lusso in Cina. Non vedo l’ora di lavorare con tutto il team per produrre vetture sportive di elevata qualità sia per il mercato cinese sia per quello globale”.

Primo frutto di questo “melting pot” industriale e ingegneristico sarà la Hongqi S9, prima espressione della serie “S”. Come scritto in precedenza, il veicolo porta la firma di Walter De Silva, designer di fama mondiale, e VP Styling and Design di Silk-Faw, che si occuperà dell’intera linea della serie Hongqi ‘S’. Scarni i dettagli tecnici sulle motorizzazioni dell’automobile: è noto solo che, inizialmente, la S9 sarà spinta da un powertrain ibrido plug-in, cioè ricaricabile alla spina; successivamente verrà offerta anche in variante 100% elettrica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen ID.4 GTX, la Suv elettrica diventa sportiva – FOTO

next
Articolo Successivo

Ferrari 812 Competizione e 812 Competizione A, ecco gli ultimi gioielli di Maranello – FOTO

next