L’ex difensore del Real Madrid e del Borussia Dortmund, Christoph Metzelder, 40 anni, è stato condannato a dieci mesi di libertà vigilata dal tribunale di Duesseldorf per possesso e diffusione di materiale pedopornografico. L’ex difensore, secondo l’accusa, ha inoltrato circa trecento fra immagini e video pedopornografici, alcune delle quali che raffiguravano minorenni violentati. Secondo le ricostruzioni dei media tedeschi, Metzelder ha mandato i file incriminati a una donna di Amburgo, anche lei indagata. La sentenza di oggi non è ancora definitiva.

Dal 2019 Metzelder si è sempre dichiarato innocente, anche se ha di recente ammesso di aver inoltrato diciotto file pornografici di bambini e giovani. “In queste chat condividevo fantasie estreme, che includevano l’indicibile – ha detto l’ex calciatore secondo quanto riporta la Bild -. Accetto la condanna e chiedo perdono alle vittime di violenza sessuale. Dovrò vivere con questa colpa come parte della società per il resto della mia vita”.

Metzelder – 47 presenze in Nazionale – era noto in Germania per aver promosso pubblicamente i diritti dei minori, fondando nel 2006 un’associazione di supporto per i bambini in difficoltà, ricevendo per questo una Croce al merito al nastro dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca nel 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso tamponi Lazio, 12 mesi di inibizione per il presidente Claudio Lotito

next
Articolo Successivo

Spagna, i tifosi del Rayo Vallecano puliscono lo stadio dopo la visita dei due leader di estrema destra di Vox

next