Anche la “riforma delle lauree abilitanti” trova spazio nelle “missioni” del Recovery Plan italiano, secondo l’ultima bozza. “La riforma prevede la semplificazione delle procedure per l’abilitazione all’esercizio delle professioni – si legge nel testo -, rendendo l’esame di laurea coincidente con l’esame di Stato, con ciò rendendo semplificando e velocizzando l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati”. Quello che al momento non è noto è se la riforma sarà già all’interno del piano di recupero o se il piano darà un indirizzo.

Come fa notare il Corriere.it, la riforma si muove sulla scia del disegno di legge approvato il 19 ottobre scorso dal governo Conte su proposta dell’allora ministro dell’Università Gaetano Manfredi. Il testo prevede che il tirocinio per l’accesso alle professioni regolamentate venga programmato durante i corsi di laurea. Secondo questo disegno di legge a essere interessate sarebbero le lauree magistrali a ciclo unico in odontoiatria, farmacia, medicina veterinaria, psicologia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Per i dirigenti il blocco dei licenziamenti non vale più. Ora serve l’intervento dello Stato

next
Articolo Successivo

Quota 100, il Recovery conferma che non sarà rinnovata. Le ipotesi per superarla, da quota 102 all’anticipo solo per chi fa lavori gravosi

next