L’infarto ha cambiato la vita di Jonathan Frostick, banchiere di Hsbc che ha lasciato il lavoro quando ha capito che il suo stile di vita lo stava lentamente usurando. L’annuncio arriva dal profilo LinkedIn dell’uomo che dopo aver visto la morte ha scritto: “Ora voglio dedicare meno tempo al lavoro e più alla famiglia“. Un messaggio che ha fatto breccia nel popolo del social, in più di 200mila hanno consigliato il post e tantissimi sono stati i messaggi in cui gli utenti hanno raccontato la loro storia che avvalorava la scelta del banchiere.

I problemi di salute sono cominciati domenica pomeriggio. Frostick come d’abitudine era impegnato a preparare la sua settimana di lavoro. All’improvviso “non riuscivo a respirare – scrive sul suo profilo – avevo il petto costretto, dolori al braccio sinistro, al collo, le orecchie mi scoppiavano”. In quei momenti, racconta l’uomo, l’attacco cardiaco lo aveva colpito ma lui era concentrato solo sul lavoro. “Cavolo, dovevo incontrare il mio capo domani”. E ancora, “mannaggia, non ho aggiornato il mio testamento“.

Dopo aver superato l’infarto, Frostick ha deciso di soverchiare la gerarchia delle sue priorità, anteponendo al lavoro quelle che per lui rappresentano le vere esigenze di un uomo: famiglia e salute. Ora il dipendente dell’istituto di credito britannico ha nuovi obiettivi da raggiungere, ha infatti previsto di non essere mai in servizio nel weekend, di partecipare a molte meno riunioni di zoom e di perdere quindici chili di peso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il linguaggio è ideologico: lo sa bene chi ha studiato i complottismi (e tenta di difenderci)

next
Articolo Successivo

Lo zoombombing è triste, ma si può combattere leggendo. E io un consiglio ce l’avrei…

next