Una per tutte, tutte per una. Perché con l’ultimo aggiornamento, il crossover di Hyundai non lascia fuori neppure una alimentazione elettrificata: infatti al full hybrid e all’elettrico, già presenti sul modello, si è aggiunto anche il mild hybrid sia benzina che diesel. In questo modo il nuovo Kona viene riproposta sul mercato italiano – dove conta già oltre 34 mila unità vendute dal lancio del 2017 – con un restyling che parte prima di tutto dalla gamma delle motorizzazioni, ma tocca anche il lato estetico, con tre nuovi allestimenti tra cui N-Line, la versione sportiva di Kona mild-hybrid.

Con il motore 48 volt, Hyundai propone sia il benzina 1.0 T-GDI Smartstream da 120 Cv di potenza, sia il diesel 1.6 Smartstream da 136 Cv: entrambi con cambio a 6 rapporti e, per il diesel, con la possibilità di avere quello automatico a doppia frizione 7DCT.

Per Kona full electric, invece, sono proposte due versioni con batteria da 39 kWh (potenza da 100 kW/136 Cv e autonomia di 305 km) e da 64 kWh (150 kW/204 Cv e autonomia fino a 484 km); Kona full hybrid prevede invece il propulsore ibrido 1.6 GDI da 141 Cv/103,7 kW di potenza.

Nel processo di restyling estetico, su tutta la gamma Kona sono stati toccati il frontale, con nuovo design e nuove firme a LED, e la coda, anche lì nuova linea e luci ridisegnate. Internamente è cambiata la strumentazione, digitale e da 10,25 pollici, con l’head up display e affiancata dal touchscreen per l’infotainment da 10,25 pollici: quanto alla tecnologia, compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay e connettività BlueLink per la gestione del veicolo da remoto, su smartphone; sul tunnel spazio per la ricarica wireless del telefono, mentre posteriormente si trova la presa USB .

Quanto alla sicurezza, il Safety Pack propone diversi sistemi di assistenza alla guida come il riconoscimento di pedoni/ciclisti, il cruise control adattivo, il mantenimento della corsia e i sensori posteriori di parcheggio.

La versione N-Line, ora disponibile anche sul crossover, è stata pensata per intercettare i gusti di un pubblico più giovane ma anche giovanile: propone forme più sportive, un riposizionamento del logo e cerchi in lega. Anche il posteriore, con l’estrattore d’aria, è stato rivisto in chiave sportiva, mentre gli interni riportano dettagli interni in rosso, come ad esempio le cuciture sui sedili.

Per Kona mild hybrid si parte da 23.350 mila euro nell’allestimento Xtech e con motore abbinato al benzina 1.0 T-GDI; per la versione full hybrid si sale a 27.150 euro e, infine, per la 100% elettrica il prezzo di partenza è di 35.850 euro con la batteria da 39 kWh e nell’allestimento Xtech City.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ferrari 812 Versione Speciale: ecco il nuovo Ufo di Maranello – FOTO

next