Due sciatori che stavano praticando fuoripista sono morti travolti da una valanga che si è staccata sullo Jof di Montasio (la terza montagna più alta del Friuli), sul versante nord-est. L’incidente è avvenuto tra Malborghetto Valbruna e Chiusaforte, in provincia di Udine, a una quota di circa 2mila metri. Un terzo sciatore si è salvato solo per caso: è stato lui a raccontare che il gruppetto stava facendo sci fuoripista su neve fresca quando è venuta giù la valanga. Lui si è salvato solo grazie a una breve sosta che stava facendo durante la discesa: la valanga lo ha solo “sfiorato”. E’ stato lui poi a lanciare l’allarme.

Sul posto sono arrivati gli operatori del Soccorso alpino del Friuli Venezia Giulia e della Guardia di Finanza, oltre a 4 elicotteri (uno sanitario regionale, due della Protezione civile di cui uno con i cani da valanga e un quarto del Suem di Belluno) e a squadra dei vigili del fuoco.

Le due vittime erano del posto ed erano considerate molto esperte. I corpi dei due escursionisti sono stati recuperati alla base della parete, a circa 600 metri di dislivello dal punto in cui erano stati travolti dal lastrone di ghiaccio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caccamo, tir in bilico sui tetti rischia di cadere su una palazzina: sei famiglie evacuate – Video

next
Articolo Successivo

Report vaccini: un italiano su 6 ha ricevuto almeno una dose. Nell’ultima settimana 290mila iniezioni al giorno

next