Classico, è questa la prima parola che viene in mente giocando le prime ore di Bravely Default 2, il nuovo capitolo, esclusivo per Switch, nella saga di giochi di ruolo a turni di Square Enix, capitolo che sembra non volere cambiare la direzione intrapresa anni fa con i suoi predecessori.

Il sistema di Bravely / Default, che da il nome alla serie, consiste in una coppia di azioni che usate nel modo giusto possono ribaltare qualsiasi situazione: durante il vostro turno di combattimento potrete scegliere se attaccare in vari modi o difendervi, la seconda opzione vi permetterà di accumulare Punti Brave con i quali sarà possibile effettuare più azioni nel vostro turno; sarà dunque il giocatore a decidere come consumarli, dando una componente tattica di spessore ai combattimenti.

Una storia di stampo piuttosto classico, col tema del viaggio (ricorrente nei titoli di Tomoya Asano) accompagnerà il giocatore e i quattro protagonisti in un viaggio contro “l’oblio della notte” una terribile calamità che viene da lontano, ed è proprio per fermarla che i destini di quattro perfetti sconosciuti si intrecceranno in quello che è un ottimo esponente del suo genere, seppur con qualche piccola pecca che non gli permette di brillare come dovrebbe.

Dal punto di vista grafico Bravely Default 2 poteva osare di più, con sfondi molto ben disegnati ma con i modelli di personaggi e nemici che lasciano pensare che Square Enix non abbia voluto osare troppo, rimanendo con un budget ridotto che si riflette appunto sui modelli 3d. Il gioco è godibilissimo ma sarebbe stato bello avere uno stacco più netto dai capitoli precedenti, data la potenza hardware a disposizione degli sviluppatori, al contrario le musiche sono di altissimo livello, rendendo l’esperienza di gioco appagante e immersiva, ottimo anche il doppiaggio giapponese e inglese, con voci che si sposano bene ai personaggi interpretati, impreziosito dai sottotitoli in italiano.

Bravely Default 2 consacra la formula nata sul primo capitolo regalando un’avventura divertente, che decolla però dopo alcune ore di gioco ma ripaga assolutamente la perseveranza del giocatore, soprattutto per chi deciderà di intraprendere le numerose missioni secondarie disponibile, dimostrando quella varietà e crescita che si sposa con una serie che ha ancora molto da dire; lo consigliamo a tutti i giocatori che cercano una buona trama e un gioco di ruolo di stampo prettamente giapponese, in tal caso Bravely Default 2 è sicuramente una perla che non può mancare nella propria collezione di esclusive per Switch.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Harvest Moon: One World, nell’ultimo capitolo della celebre saga di farming game più storia, avventura ed esplorazione: le novità

next
Articolo Successivo

Un anno di Valorant: come si è evoluto l’Fps di Riot Games in Italia e nel mondo dal lancio in beta alla prima candelina

next