Riaperture dal 20 aprile? Credo che i dati miglioreranno nelle prossime settimane ed entro la fine di questo mese grazie al sistema rigido di chiusure, ma la data è difficile da stabilire. Realisticamente la possibilità di riaperture sarà dopo il 30 aprile, anche per consolidare i risultati. Ma a oggi tutto è fermo fino al 30 aprile”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di “24 Mattino” (Radio24) dal sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, che spiega: “Il punto fondamentale è: riaprire in anticipo o consolidare i risultati guadagnati? Si valuterà nel tempo, ma al momento quello che rimane è l’eliminazione delle zone gialle fino al termine di aprile”.

Sileri conferma che l’obiettivo del mezzo milione di dosi al giorno è fattibile per fine mese e si pronuncia sui nuovi problemi riscontrati nel vaccino AstraZeneca, sui quali l’Ema sta valutando: “Il fatto che l’Ema possa arrivare a limitare l’uso del vaccino, escludendo alcune categorie, rientra nei processi di farmacovigilanza. Il vaccino AstraZeneca, come mai nessun farmaco immesso sul mercato, è utilizzato in un numero estremamente alto di soggetti, mentre gli eventi trombotici segnalati sono davvero pochissimi. Quindi, è inutile parlare di rapporto rischi-benefici. Non c’è ombra di dubbio che vi sia un rapporto rischio-beneficio positivo – conclude – Il punto è che l’Ema, come tutti gli enti regolatori, continuando la farmacovigilanza, può individuare un sottogruppo di popolazione che può sviluppare un rischio trombotico di tipo cerebrale e valutarne un eventuale nesso causa-effetto. Quindi, per maggiore precauzione, è possibile, ma non probabile, che l’Ema possa vietare il vaccino a una certa categoria di pazienti. Ma guardate che questo è successo in passato per tantissimi altri farmaci. Un esempio per tutti è l’aspirina, per la quale a partire dagli anni ’80 è stato posto un limite d’uso per la fascia dei bambini sotto i 12 anni in seguito ad alcuni eventi avversi”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un condono per tutte le stagioni: dall’Unità d’Italia a Mario Draghi, storia della legge preferita dai politici (e dai loro elettori)

next
Articolo Successivo

“Sostegno a Draghi ma profonda divergenza su Conte e M5s”. Letta vede Renzi (dopo i big di centrosinistra, centrodestra e pure le Sardine)

next