Dopo l’esperienza Draghi, il 40 per cento degli intervistati preferisce che al governo vada la coppia Giuseppe Conte-Enrico Letta (+1% rispetto a una settimana fa). Mentre il 35% sceglie Matteo Salvini-Giorgia Meloni e il 25 per cento non si esprime. A rivelarlo è il sondaggio di Ipsos Italia per Di Martedì (La7). “E’ un dato che un po’ sorprende”, ha dichiarato Nando Pagnoncelli a La7, “perché il centrodestra è avanti negli orientamenti di voto, ma Letta e Conte rappresentano una novità per certi versi e qualcuno teme che Meloni-Salvini possano essere in forte competizione tra loro”.

Per quanto riguarda invece la fiducia nei leader, a domanda secca il 22 per cento degli intervistati ha detto che si fida di Giuseppe Conte. Dietro di dieci punti gli esponenti del centrodestra: Giorgia Meloni (12%) e Matteo Salvini (12%). Il 10% degli intervistati ha detto invece di fidarsi di Enrico Letta (10%). Seguono sotto il 10 per cento: Silvio Berlusconi (8%), Roberto Speranza (4%), Matteo Renzi (2%). Ipsos ha anche indagato la preferenza sui leader politici per i singoli schieramenti politici. Alla domanda se gli intervistati gradiscono Conte o Letta, il 39 per cento si è espresso per il leader M5s e il 22 per il neosegretario dem (il 39 non si esprime). Mentre se la scelta è tra Meloni e Salvini: il 28% si esprime per la leader di Fratelli d’Italia, il 23 per il leader del Carroccio, mentre non si esprime il 49 per cento degli intervistati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il governo Draghi ha già esaurito la sua spinta propulsiva?

next
Articolo Successivo

Ora Salvini è d’accordo con Draghi: “Se i dati dicono rosso è rosso, ma se è giallo si apre”

next