Il 2020 è stato l’anno di inizio della pandemia di COVID-19 che, sfortunatamente, è ancora in corso e ha cambiato le abitudini del mondo intero. Moltissimi si sono trovati, forse per la prima volta, costretti a lavorare da casa, il che ha evidenziato diversi problemi sia da parte delle aziende che degli utenti stessi a causa della mancanza di una formazione adeguata. Stando ad un sondaggio condotto da Kaspersky, il 68% degli intervistati ha lavorato a casa usando il computer personale ed i lavoratori in smart working hanno usato i dispositivi personali anche per il proprio tempo libero, per il gaming online (31%) e per la visione di film (34%). Tuttavia, molti hanno anche usato computer portatili e smartphone aziendali per scopi non previsti, ad esempio la fruizione di contenuti per adulti servendosi di dispositivi aziendali (18%).

Ovviamente, la situazione ha spinto hacker ed individui malintenzionati ad aumentare i propri attacchi, tanto che, da marzo ad aprile 2020, il numero di attacchi su porte RDP non protette (il protocollo di connessione remota più popolare sui computer Windows) è aumentato di dieci volte in Russia e di sette volte negli Stati Uniti. Inoltre, sono state scoperti bug pericolosi in noti software per videoconferenze, come Microsoft Teams e Zoom.

Purtroppo sono stati presi di mira anche le istituzioni sanitarie, come il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS), che ha subito un massiccio attacco DDoS, o l’Ospedale Universitario di Brno, uno dei più grandi centri della Repubblica Ceca per l’analisi del sangue specifica per il COVID-19, causando problemi a medici e persone in un periodo già delicato. Infine, diversi malviventi hanno sfruttato la paura delle persone ed il loro bisogno di aiuto per inviare e-mail fasulle che sembravano provenire da centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), o altri enti accreditati, per indurre gli utenti a compilare form con i propri dati personali o inserire un Trojan o una backdoor come allegato.

Alla luca di tutto ciò, Kaspersky raccomanda di non cliccare sui link inviati da sconosciuti né scaricare allegati da e-mail di cui non è sicuri, nonché usare dispositivi e software approvati dalla propria compagnia e configurati correttamente per svolgere il proprio lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stampanti, l’Antitrust multa HP per aver ostacolato l’utilizzo di toner compatibili

next
Articolo Successivo

Sennheiser IE 80S BT Audiophile, auricolari in-ear in offerta su Amazon con sconto del 72%

next