“La cultura è il mezzo per ricostruire”. Lo dicono le lavoratrici e i lavoratori del mondo dello spettacolo insieme agli studenti che questa mattina hanno occupato il Piccolo Teatro Grassi nel centro di Milano. Un’azione simbolica che avviene nella giornata Mondiale del Teatro per “riportare il Lavoro delle attività culturali come urgenza sociale, perché sia prioritaria per il Governo”. Tra gli occupanti ci sono macchinisti di scena, elettricisti, sarte che da un anno sono fermi. “Noi chiediamo una ripartenza effettiva – raccontano i lavoratori – ma anche un cambiamento profondo del settore che si basava su cardini non sani da un punto di vista contrattualistico e della situazione delle intermittenze dei lavori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini anche di notte a Fiumicino, Mogini (Croce rossa): “Lavorare fino a tardi non ci spaventa: 200 persone in più al giorno”

next
Articolo Successivo

Messico, bambino di nove anni muore annegato mentre prova ad attraversare il Rio Grande per raggiungere gli Stati Uniti

next