La scorsa settimana sono state ‘solo’ 684mila le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti: un valore storicamente elevato ma che rappresenta il dato più basso dallo scoppio della pandemia a marzo 2020. I dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro rappresentano un calo di97 mila unità rispetto alle domande presentate nella settimana che si è conclusa lo scorso 13 marzo e sono un dato migliore delle stime degli analisti. A queste cifre – che rappresentano i sussidi chiesti attraverso i programmi dei singoli Stati – vanno aggiunte altre 242mila richieste presentate attraverso programmi federali temporanei. Il totale di 898.534 richieste rappresenta il primo calo settimanale sotto quota 1 milione dall’inizio della crisi Covid.

Il totale dei destinatari di sussidi statali ammonta a 3,87 milioni di persone, cui vanno aggiunti altri 5,55 milioni di beneficiari temporanei di assegni federali per un totale – sommando tutti i programmi – di 18,9 milioni di sussidi di disoccupazione. Prima dello scoppio della pandemia, questo dato era inferiore a 2 milioni.
Peraltro – ricorda il sito Marketwatch– una revisione dei beneficiari ha evidenziato migliaia di casi di richieste illegali, con un danno totale stimato a circa 63 miliardi di dollari in pagamenti non dovuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Nave israeliana colpita da missile iraniano”. Media Teheran: “Affermazioni senza prove”

next
Articolo Successivo

Ue, Sassoli: “Certificato vaccinale è strumento importante e utile per riaprire in sicurezza. Non è discriminatorio”

next