Motorola ha annunciato oggi l’arrivo di Moto g50 e Moto g100, due nuovi smartphone 5G che vanno ad ampliare l’offerta della fascia media del produttore statunitense.

Il Moto g50 prosegue il percorso intrapreso lo scorso anno da Motorola con moto g 5G Plus – offrire dei device con accesso alle reti 5G a prezzi più contenuti – presentandosi con un display IPS da 6,5″ a 20:9 con risoluzione HD+ (1600×720) ed un nuovo design del posteriore che vede l’utilizzo di una colorazione più neutra sul grigio scuro (Steel Grey) invece di colorazioni più particolari usate durante lo scorso anno. All’interno trova posto il nuovo SoC (system on chip) Snapdragon 480 di Qualcomm dotato di CPU Octa-Core e GPU Adreno 619, oltre al modem per le reti 5G, associato a 4GB di RAM e 128GB di memoria, ed una batteria da 5000mAh.

Sul versante fotografico il g50 offre al posteriore un sistema a tripla fotocamera con sensore principale da 48MP, affiancato da un sensore da 5MP con lente per Macro ed uno da 2MP con funzione di sensore di profondità, all’anteriore invece Motorola ha optato per un sensore da 13MP posizionato in un notch a goccia. Il Moto g50 arriverà in Italia ad Aprile con un prezzo di lancio di 279,90€

Il Moto g100 occupa la posizione di vertice nella decima generazione di moto g – che include oltre ai due smartphone lanciati oggi i moto g10 e g30 presentati un mesetto fa – presentandosi con una scheda tecnica che lo avvicina molto ai dispositivi di fascia superiore: cuore pulsante del Moto g100 è infatti lo Snapdragon 870 di Qualcomm, un nuovo SoC di fascia alta dotata di cpu octa-core con frequenza massima di 3.2GHz e gpu Adreno 650, affiancato da 8GB di RAM LPDDR5 e 128GB di memoria UFS3.1.

Il design è un’evoluzione di quanto visto nell’ultimo anno da Motorola, vedendo un richiamo al già citato Moto G 5g Plus nel sensore d’impronta integrato nel pulsante d’accensione e sul posteriore una finitura della colorazione lucida posta dietro ad uno strato leggermente satinato, interrotto nella porzione superiore sinistra da un leggero rialzo rettangolare, rialzo dedicato al gruppo fotografico composto da sensore principale da 64MP supportato da autofocus ToF, affiancato da un sensore di profondità da 2MP ed uno da 16MP con lente ultrawide, funzionalità Macro e ring light dedicata. All’anteriore trova posto un ampio display LCD da 6,7″ a 21:9 con risoluzione FullHD+ (2520 x 1080), frequenza di refesh di 90Hz e supporto ad HDR10, capace di riprodurre lo spazio colore DCI-P3, al cui interno, nella parte superiore sinistra, sono posizionate le due fotocamere anteriori (una da 16MP, l’altra da 8MP con lente grandangolare). Il Motorola Moto g100 sarà in vendità nelle sue 3 colorazioni (Slate Grey, Iridescent Sky, Iridescent Ocean) da fine Marzo ed avrà un prezzo di listino di 599,90€, ma fino al 18 Aprile, per festeggiare la decima generazione di Moto G, sarà offerto in promozione a 499,90€.

Moto g100 vedrà anche il debutto di Ready For, il nuovo software di Motorola che -come già fatto in passato da altri produttori- permette di collegare lo smartphone ad uno schermo o ad una tv ed usare Android con tastiera e mouse come se lo smartphone fosse un PC. Oltre alla già citata modalità “mobile desktop”, Ready For offrirà le funzionalità “TV”, per riprodurre sullo schermo esterno i contenuti delle app multimediali come Netflix, PrimeVideo e Youtube, “Chat Video“, che permette di effettuare call utilizzando come webcam la fotocamera principale, e “Gaming“, che permette di utilizzare i giochi su uno schermo più grande (sfruttando dove possibile anche un controller bluetooth); in mancanza di un mouse si potrà usare lo schermo dello smartphone come fosse un touchpad.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Acer sotto attacco hacker, il riscatto chiesto è il più alto mai visto

next