La Lamborghini Urus ha raggiunto la strabiliante velocità di 298 chilometri orari. “Strabiliante” perché il fondo non era il solito asfalto, magari di una pista, bensì il ghiaccio del lago Baikal che in questo periodo dell’anno raggiunge temperature tra i -15 ed i -18 gradi. Neanche a dire che si tratta di un nuovo record, conquistato durante la manifestazione Baikal Days of Speed da uno specialista delle condizioni estreme come il pilota Andrey Leontyev, che già 18 volte aveva conquistato record del genere sulla superficie ghiacciata. Leontyev ha guidato una Urus di serie, spinta da V8 4.0 biturbo da 650 cavalli e 850 Nm di coppia massima. Con la capacità di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e da 0 a 200 km/h in 12,8 secondi, ed una velocità massima di 305 km/h, è uno dei suv più veloci attualmente sul mercato. I dati ufficiali registrati da FIA e RAF (la federazione russa dell’automobile) saranno pubblicati nel mese di aprile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renault, 5 nuovi modelli ibridi e 1.000 assunzioni in Spagna entro il 2024

next