di Franco Failli

“Aguzzate la vista” era il nome di un semplice gioco presente sulle pagine del popolare periodico “La Settimana Enigmistica”. Si trattava di mettere a confronto due disegni, spesso comici, apparentemente identici, che invece differivano per alcuni particolari non molto in vista. Sorvolando sull’assenza di qualunque contenuto comico, questo gioco oggi viene voglia di farlo mettendo a confronto il Governo Draghi con il precedente Governo Conte.

Ci sono personaggi che questo cambiamento lo hanno fortemente voluto, e una volta avvenuto si sono dichiarati entusiasti, e hanno auspicato quello che su molti giornali è stato chiamato il “cambio di passo”, sottintendendo che tutto ciò che serviva fare avrebbe subito una netta accelerazione. E le cose che serviva fare erano chiare: la lotta alla pandemia e in particolare la vaccinazione della popolazione. Per non parlare della distribuzione dei cosiddetti “ristori”, dei quali numerose categorie di lavoratori erano bisognosi e che venivano reclamati a gran voce da numerosi soggetti, solo in parte appartenenti alle suddette categorie. Il tutto ovviamente nell’ambito del faraonico Recovery Plan, riguardo alla cui messa a punto si avrebbe finalmente smesso di dormire sugli allori.

Devo dire che, sia pure a breve distanza temporale dal disarcionamento del Governo Conte, a me sembra che le cose, quasi tutte le cose, marcino esattamente allo stesso modo. Il governo continua a rincorrere l’emergenza pandemica, e si parla di “terza ondata”. I vaccini scarseggiano e ci teniamo tutti quelli che possiamo, salvo berciare se gli altri paesi fanno lo stesso. Per vedere i ristori si continua a dover andare al ristorante (ma non la sera, come prima). Rimaniamo all’oscuro dei contenuti del Recovery Plan, sul quale è calato il silenzio, e per quello che ne sappiamo il sonno al riguardo potrebbe essersi fatto comatoso.

Tutto uguale quindi? Ma ovviamente no. Altrimenti non ci sarebbe stato alcun motivo per creare un’altra grossa difficoltà a un paese già stremato. Ci sono ovviamente le piccole differenze, come nel gioco enigmistico. Per esempio, una certa riforma, che riguardava la prescrizione, invece di abolirla ci è caduta dentro. E dal recipiente in cui è stata tuffata difficilmente riemergerà forte come accade all’Obelix dei fumetti. Il governo è uno dei tanti governi, tecnici e meno tecnici, che abbiamo visto negli anni, ma questa volta non ci si è arrivati in seguito a disastri economico-politici. Questa volta c’è invece all’orizzonte una cascata di soldi di entità mai vista. E questa differenza potrebbe non essere tanto piccola.

Poi c’è il Recovery Plan, che pare in questa ultima versione stia uscendo dalle tastiere di premiate Società di consulenza. Il problema è “premiate da chi”. Pare, comunque, non dalla cittadinanza italiana, che di esse non conosce nemmeno il nome. Fin qui niente di male. Il problema è che non ne conosce nemmeno l’esistenza, dato che dei fini per i quali si userà il Recovery Plan niente si sa, e di niente si discute più sui media mainstream.

Un’altra piccola differenza è il nuovo ministero della Transizione ecologica: una grande discontinuità col passato. Il sollievo che si prova grazie alla sua istituzione è pari a quello che ci rasserena pensando che, finalmente, con questo governo arriveranno di sicuro quegli investimenti nella ricerca, nella scuola e università, a sostegno dei giovani, e ovviamente nella sanità pubblica, investimenti che sono promessi da anni. Ma tanti anni. Nel gioco della Settimana Enigmistica le piccola differenze erano venti. Questo governo ci arriva?

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovannini: “Ritardi di Johnson&Johnson? L’Ue farà rispettare i contratti sui vaccini” – Video

next
Articolo Successivo

Pd, Orfini: “Serve un segretario che ci porti al Congresso per archiviare l’alleanza col M5s”

next