Duro scontro a “Piazzapulita” (La7) tra il deputato di LeU Pier Luigi Bersani e il vicedirettore dell’Huffington Post, Alessandro De Angelis.
Il giornalista attribuisce alle dichiarazioni del segretario dimissionario del Pd, Nicola Zingaretti, l’apprezzamento di certa area progressista nei confronti di Giuseppe Conte, come è emerso nei recenti sondaggi.
Bersani non ci sta: “Sono valutazioni oniriche. Ma di cosa stiamo parlando? Quindi Conte ha preso popolarità perché il Pd ha detto che è bravo? Ma se avesse detto che era cattivo, Conte avrebbe avuto ancora più popolarità, te lo dico io. Adesso risulta che Conte ce lo siamo inventati noi. Conte è andato avanti per forza propria. Non è un abusivo. Conte piace a un pezzo di Paese che non conta. Mettiamoci in testa questa roba. E allora la sinistra non deve dire: “Conte le porta via i voti”. La sinistra deve dire: “E ora cosa faccio? Come mi muovo?””.

De Angelis replica: “A Conte avete dato un sostegno acritico che non avete mai dato a nessun leader della sinistra negli ultimi tempi. Io quest’adorazione non l’ho vista per Veltroni, né per Prodi, né per D’Alema, né per lei“.
“De Angelis, mi ascolti un attimo – ribatte Bersani – Adesso non sono io a dover giustificare perché abbiamo sostenuto Conte. Adesso siete voi, che avete bombardato tutti giorni, a dirmi perché non andava bene Conte. Questa idea che ci sia stato un pregiudizio positivo nostro non è corretta. C’è stato invece un pregiudizio negativo verso un presidente del Consiglio che è stato massacrato tutti i santi giorni, perché faceva i dpcm, perché non voleva il Mes, e per altri motivi. Io non ho mai adorato nessuno. Ma questa damnatio memoriae e questo massacrare chi si pensa che non abbia il diritto di stare nel giro è una rovina di questo Paese”.
“La ringrazio – risponde De Angelis – perché dà anche ai giornalisti il potere di fare i governi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo Draghi, Boccia a La7: “Cortina di fumo su dpcm si è dissolta. Vanno fatti per agire in tempo reale quando la situazione si aggrava”

next
Articolo Successivo

Bersani su La7: “Zingaretti? Abbia la generosità di attuare una fase nuova e un campo aperto. È la via d’uscita per tutti, anche per il M5s”

next