Lo scorso gennaio, l’indice dei prezzi al consumo nei paesi della zona euro è tornato a salire per la prima volta da agosto e si è attestato allo 0,9%, in deciso aumento rispetto al -0,3% di dicembre 2020. Lo indica Eurostat confermando le prime stime diffuse a inizio mese. I paesi euro dove l’inflazione è più alta sono Germania e Olanda (+ 1,6%), in Francia si ferma a + 0,8%, in Italia allo 0,7%, in Spagna allo 0,4%. Prezzi ancora in calo rispetto al gennaio 2020 in Grecia (- 2,4%). L’impennata rispetto a dicembre coinvolge comunque quasi tutti i paesi ed è verosimile che si confermi nelle prossime rilevazioni. Nelle ultime settimane si infatti assistito ad una corsa delle materie prime. Il petrolio ha ad esempio guadagnato da inizio febbraio quasi il 20%, con inevitabili ricadute sui prezzi dei carburanti (e quindi di tutti i prodotti trasportati) oltre che, seppur con maggior ritardo, su elettricità e gas. Forti rialzi anche per il rame, in scia alle speranze di un rafforzamento della ripresa.

Il risveglio dell’inflazione è un campanello d’allarme per le banche centrali. Politiche monetarie fortemente espansive, come quelle attualmente in essere, hanno anche l’effetto di spingere al rialzo i prezzi. Sinora quest’effetto è stato però estremamente contenuto. Una ripresa decisa dell’inflazione costringerebbe le banche centrali a frenare creazione di moneta e acquisto di titoli, con probabili ricadute sulla crescita economica e valori di asset finanziari. Prezzi in crescita riducono inoltre ulteriormente il valore reale degli interessi sui titoli di Stato, già oggi su livelli prossimi allo zero o inferiori.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carige, ex ad Paolo Fiorentino indagato per aggiotaggio per la semestrale del 2018

next
Articolo Successivo

Cashback, il sondaggio: “Il 70% degli italiani indotto a usare di più i pagamenti elettronici. E il 39% ha aumentato i consumi”

next