“È andata bene, diciamo, adesso vedremo come andrà, per ora sono contenta. Sono soddisfatta. Come persona non mi sento risarcita ma almeno ho la soddisfazione personale che la verità è venuta fuori dopo anni. Ancora non lavoro, il mio obiettivo ora è tornare a insegnare in un asilo. Non provo rancore, non sono io che devo perdonarli, mi alzo al mattino e ho la coscienza pulita. La storia è stata raccontata in modo meno forte rispetto a come l’ho vissuta realmente. Non mi hanno mai chiesto scusa ma non me ne farei niente” . A parlare è la maestra d’asilo del torinese, vittima di revenge porn e licenziata dal suo istituto. La giovane era stata cacciata dall’asilo in cui lavorava dopo che l’ex compagno aveva messo in circolazione alcune foto e video privati. La dirigente scolastica, accusata di violenza privata e diffamazione, è stata condannata in primo grado a un anno e un mese. 12 mesi alla madre dell’alunna

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, primo no del Consiglio di Stato a Mittal: nessuna sospensiva della sentenza che ordina lo spegnimento dell’area a caldo dell’acciaieria

next
Articolo Successivo

Raffaele Cutolo e la ‘complicità’ di un giudice infedele

next