di Angelo D’Auria

È fuor di dubbio che il voto su Rousseau per decidere se sostenere il nuovo esecutivo di Draghi abbia costituito una lacerazione all’interno del Movimento 5 stelle e all’interno anche della mia famiglia. Il dibattito è stato acceso e la decisione finale su cosa fosse meglio fare molto incerta.

Abbiamo votato Sì, come sostenevano Beppe Grillo e Giuseppe Conte, ma con una grande voglia di votare No, come sostenevano Alessandro Di Battista e Marco Travaglio, che consideriamo tutti in buona fede; e dopo aver votato siamo rimasti con il grande dilemma se fosse stata la scelta più giusta. Ritengo che se si rifacessero le votazioni, alla luce delle scelte che il governo fa quotidianamente, il risultato potrebbe cambiare radicalmente e in continuazione, verso il Sì o verso il No, anche con un quesito meno tendenzioso.

Comprendiamo la decisione di espellere i “disobbedienti” per dare credibilità all’indirizzo politico che gli iscritti hanno espresso, credibilità alla democrazia diretta (e alla piattaforma Rousseau) e per attenersi al rispetto delle regole, che vorrebbe gli onorevoli solo come “portavoce”; ma votare la fiducia, in questo caso, attiene più alla strategia politica che non alla sfera dei principi del Movimento.

Quindi per salvaguardare e anzi valorizzare la piattaforma Rousseau e con essa la democrazia diretta, ma soprattutto l’unità del Movimento, propongo che siano gli iscritti a decidere con un ulteriore voto se i dissidenti debbano essere espulsi o no.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, oltre sei italiani su dieci hanno fiducia nel governo Draghi. Per il 56,8% sarà in continuità con Conte

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: ‘Non mi occupo di correnti, sul mio conto voci false’. Il segretario di Italia dei valori: ‘Contatti con dissidenti per simbolo’

next