La cautela è d’obbligo e la sperimentazione ha superato soltanto la fase 1. Ma Exo-Cd24, spray nasale e nuovo trattamento salvavita contro il Covid-19 sviluppato dal professor Nadir Arber dell’Ichilov Medical Center di Tel Aviv, ha già suscitato l’interesse di molti paesi nel mondo perché può essere prodotto rapidamente, è a basso costo e non ha effetti collaterali. Tra questi ci sono certamente Brasile e Repubblica Ceca, che hanno già contattato il governo israeliano. Nel corso della conferenza stampa via Zoom, Arber ha confermato che il trattamento finora è stato testato con successo su 36 pazienti (in età compresa tra i 37 e i 77 anni) che a causa del Covid si trovavano in condizioni critiche. Sono stati dimessi nel giro di 3-5 giorni e in un solo caso la guarigione ha richiesto un tempo superiore.

Il farmaco, basato su esosomi arricchiti con la proteina CD24, agisce inibendo la cosiddetta tempesta di citochine, la sovrareazione del sistema immunitario che si osserva nei pazienti Covid critici. Si tratta di un trattamento che funziona per inalazione diretta nei polmoni e non richiede un approccio invasivo, ha spiegato Arber, che continua col suo team a monitorare lo stato di salute delle persone che hanno partecipato alla sperimentazione. Il pregio del farmaco, sottolinea, è che non ha effetti collaterali e, ha spiegato lo scienziato, se venisse approvato “Israele potrebbe fornire tutto il mondo nel giro di alcuni mesi”, visto che può essere prodotto molto rapidamente. Il test ha per ora coinvolto soltanto 36 persone per volontà del Ministero della Salute israeliano e ora gli scienziati si apprestano ad affrontare la fase due e tre della sperimentazione.

“Anche se i vaccini svolgono la loro funzione, e anche nel caso in cui non si sviluppassero ulteriori mutazioni, il coronavirus resterà tra noi in un modo o nell’altro – ha detto Arber -. Noi abbiamo sviluppato un trattamento innovativo che non ha precedenti. Si somministra tramite inalazione, una volta al giorno per pochi minuti e per cinque giorni”. Arber spiega che il farmaco, a differenza di molti altri nel mondo, “viene somministrato localmente, ma ha un ampio raggio d’azione e non ha effetti collaterali. Può essere prodotto rapidamente e a basso costo in qualsiasi struttura farmaceutica e proprio per le sue caratteristiche può fare fronte alla domanda mondiale”.

Memoriale Coronavirus

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, vaccino a bambini e adolescenti: al via la sperimentazione in Gran Bretagna per la fascia 6-17 anni

next
Articolo Successivo

Covid, il pericolo (a volte sottovalutato) dell’aerosol. Doppia mascherina o quella ffp2 per arginare il virus

next