Vista la pandemia, quest’anno le autorità avevano vietato qualsiasi festeggiamento di carnevale nel Paese, cancellando anche la tradizionale parata delle scuole di samba a Rio per la prima volta dal 1932. Ma nella città brasiliana la festa non si è fermata e migliaia di persone hanno infranto le regole contro la diffusione del Covid-19 partecipando a party illegali di Carnevale. In centinaia sono stati arrestati, scrive il Guardian. Soltanto sabato la polizia ha fatto irruzione nel Jockey Club, un noto locale di Rio, fermando 200 persone.

Anche all’alba di ieri balli affollatissimi erano ancora in corso nelle favelas di Cidade de Deus, nella zona ovest della metropoli, e nel Complexo da Maré (nord), secondo le immagini trasmesse da un elicottero della TV Globo. Domenica sera inoltre un gran numero di persone senza mascherina ha improvvisato balli nelle strade di Leblon, ricco quartiere della Zona Sud di Rio, e nella Piazza Cazuza, a pochi metri dalla spiaggia. “Siamo stati a Leblon, Tijuca, Ipanema, Recreio, dove abbiamo chiuso locali e sequestrato apparecchiature audio”, ha detto il segretario comunale all’ordine pubblico, Brenno Carnevale. Oltre alla cancellazione della tradizionale parata, state proibite le attività dei ‘blocos de rua’, i gruppi del carnevale di strada sparsi nei quartieri della città. Il sindaco di Rio, Eduardo Paes, ha imposto limiti alla circolazione delle persone e all’ingresso dei turisti.

Il Brasile sta vivendo uno dei peggiori momenti dall’inizio della pandemia. Nelle ultime 24 ore sono stati 528 i decessi a causa del Covid-19 e 23.856 i contagi nelle ultime 24 ore. Finora sono state registrate quasi 240mila vittime. Un numero drammatico di morti, superato soltanto dagli Stati Uniti.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord, hacker tentano di rubare a Pfizer informazioni sul vaccino. Hanno cercato di “bucare” anche sistema di AstraZeneca

next
Articolo Successivo

Congo, naufraga baleniera sovraccarica: 60 morti e centinaia di dispersi

next