Negli Usa procedono i trial clinici per un vaccino anti-Covid adatto per i ragazzi e i bambini, una fascia di popolazione ad oggi esclusa dalle vaccinazioni. Secondo il virologo americano Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseas, consigliere della Casa Bianca, “si sta lavorando a sperimentazioni cliniche con riduzione dell’età, in cui si esegue una sperimentazione clinica con soggetti dai 16 ai 12 anni, poi dai 12 ai 9, poi dai 9 ai 6”.

Nell’intervista a ProPublica, lo scienziato alla domanda su quale potrebbe essere la fascia di età più giovane autorizzata a ricevere il vaccino, ha specificato che “a settembre all’apertura della scuola probabilmente saremo in grado di farlo agli alunni della prima elementare“. “Ad oggi Pfizer è l’unica azienda con le sperimentazioni per i vaccini ai minori in fase più avanzata e potrebbe avere risultati dopo l’estate da sottoporre all’Fda. Moderna sta terminando l’arruolamento degli adolescenti tra i 12 e i 18 anni e potrebbe avere i primi dati a metà 2021”. Lo studio di Moderna è stato registrato a fine anno sul sito clinicaltrials.gov, e includerà 3mila soggetti, metà dei quali saranno immunizzati con due dosi mentre gli altri riceveranno un placebo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, prevedere la diffusione del virus per ottimizzare la campagna vaccinale: lo studio firmato Politecnico di Torino e NY University

next
Articolo Successivo

Coronavirus, per me resta ineludibile una riflessione sui programmi di biodifesa

next