Salve a tutti voi nostalgici delle incursioni palla al piede di Keisuke Honda.

Come avete cominciato la settimana scorsa sapendo che voi vi alzate alle 6 del mattino per racimolare un misero stipendio o studiate duramente per un avvenire incerto mentre a Meite, trasferitosi dal Torino al Milan, è bastato aver giocato una manciata di minuti per laurearsi campione d’inverno?

La settimana continua con un’altra notizia che ha scombussolato le nostre vite ordinarie: il Maestro Giampaolo vicinissimo a diventare il CT della Nazionale polacca. Poi hanno scelto Paulo Sousa. Evidentemente il maestro ha rifiutato l’incarico dopo che gli hanno detto che non poteva naturalizzare Ricardo Rodriguez.

Ma martedì si è giocata anche Roma-Spezia di Coppa Italia. Adesso potremmo stare qui a scrivere ore su cosa è successo in questa partita, ma qualsiasi nostro tentativo di far ridere non sarà neanche lontanamente paragonabile a Fonseca. Una partita che resterà nella memoria di tutti:

Mercoledì fanno il giro del mondo le immagini di Fernando Torres che dopo il ritiro si è dedicato al bodybuilding. “El nino Torreeees, squotta come un torero sotto la Kopp” semicit.

In serata è tempo di Supercoppa con Juventus-Napoli. Una partita scialba col maestro Andrea Pirlo che riesce a battere l’amico Gattuso, festeggiando in un modo che assai ci ricorda un’altra sua celebre esultanza. Ed è subito Berlino 2006

Giovedì Alberto Rimedio è ancora in cabina di telecronaca Rai a ricordare che la cable cam è la camera che sta sul cavo. E che è vola pericolosamente sulle nostre teste.

Venerdì si comincia con la prima del Torino senza il maestro. Ed infatti gioca bene. Da annotare la doppietta di Zaza e il gol di Nicolino Viola 1727, direttamente dopo aver preso er muro fratellì, doveva annà così:

Nella prima parte del weekend di Serie A la Roma vince con lo Spezia sudando parecchio: perché segna il gol vittoria al 93’? No, perché fa entrare Diawara all’89esimo. Avranno contato i cambi minimo cento volte prima. L’Inter non vince ad Udine con Conte espulso. Il Milan invece cade in casa contro un’Atalanta e un Ilicic straordinari. Tre pere ed una sconfitta che non riesce ad evitare neanche il neo-arrivato Mario Mandzukic. Forse perché è ancora turbato di come l’hanno creato su FIFA 21

Domenica a cadere invece è il Napoli, al Bentegodi contro un Verona incredibile. Zaccagni continua così e se non ti danno la 10 della Nazionale agli Europei è l’ingiustizia più grande in questo sport. La Juventus vince contro il Bologna, non ancora bellissima ma fa il suo. Come il sorriso di Szc… aspè che lo scrivo su Google: Scezesny… ‘Forse cercavi Szczesny’, perfetto, copia e incolla… Szczesny.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Psyco Roma: come trasformare senza motivo una buona stagione nel solito dramma

next