“Per la prima volta dopo 5 settimane di ascesa, l’indice Rt tende a diminuire e si fissa poco sotto 1”, così il direttore Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, nel consueto video settimanale per analizzare l’andamento dell’epidemia da coronavirus in Italia. Rezza sottolinea che sia l’incidenza che il tasso di occupazione dei posti letto tendono lievemente a diminuire, anche se “l’incidenza resta elevata” e per i posti letto “si resta in zona critica”. “Ciò vuol dire che le misure di contenimento e di restrizione hanno funzionato e che bisogna continuare a tenere dei comportamenti prudenti – evidenzia ancora Rezza – tanto più che siamo nel corso di una campagna di vaccinazione ed è bene non sovraccaricare le strutture sanitarie”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 13.633 nuovi casi su 264.728 tamponi. Altri 472 morti. Calano ricoveri e terapie intensive

next
Articolo Successivo

Ritardi anche per il vaccino di AstraZeneca-Oxford: “Problemi di produzione. Consegne ridotte del 60% nel primo trimestre”

next