Michela Rosetta, sindaca di San Germano Vercellese, si è dimessa dalla carica dopo essere stata sospesa in seguito all’arresto nell’inchiesta sulla gestione degli aiuti per l’emergenza Covid. La prima cittadina della Lega sostiene di aver “sempre agito nell’esclusivo interesse della popolazione”, cercando “di aiutare tutti coloro che versavano in condizioni di difficoltà e facendo buon uso dei denari pubblici”. Le accuse nei suoi confronti, dice, sono “infondate, ingiuste e gratuitamente infamanti”.

Secondo l’inchiesta della procura di Vercelli, coordinata dal pm Davide Pretti, Rosetta e un ex assessore, Giorgio Carando, facevano “figli e figliastri” sugli aiuti alimentari acquistati con fondi statali per l’emergenza Covid. In altre parole: li negavano a stranieri e anziani non autosufficienti per darli a famiglie più ricche o assegnavano ai primi il pacco “da sfigati”, come lo chiamavano mentre erano intercettati. Sia Rosetta che Carando sono ai domiciliari. Nell’inchiesta sono indagate anche altre 7 persone, tra cui due imprenditori. I reati contestati a vario titolo sono peculato, abuso d’ufficio, falso materiale e ideologico.

Stando alla ricostruzione degli investigatori, sarebbero stati direttamente la sindaca Rosetta e Carando a gestire gli aiuti, distribuendoli illecitamente a famiglie con redditi oltre ai 7.000 euro mensili anziché ai veri beneficiari dei fondi statali: anziani non autosufficienti, nuclei con redditi bassi o con figli minori o disabili e stranieri in difficoltà. Tra le vicende ricostruite dalla procura anche quella di una cittadina extracomunitaria a cui la sindaca avrebbe negato gli aiuti dopo la richiesta di evitare alcuni alimenti che lei ed i suoi figli non avrebbero consumato per motivi religiosi.

Su disposizione di Rosetta, avrebbe fatto seguito la mancata erogazione di ulteriori aiuti e la distruzione dagli atti del protocollo della richiesta recapitata in Comune dalla donna. Per questa vicenda alla sindaca viene contestata l’aggravante di discriminazione e odio razziale, poiché nelle intercettazioni ambientali all’interno dei locali comunali si sente la sindaca esternare “animosamente il proprio disappunto per le richieste della donna”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tommaso Cerno: “Voterò sì alla fiducia in Senato. Mi fido, Conte ha rottamato Salvini e Renzi, l’Italia può voltare pagina”

next
Articolo Successivo

Crisi di Governo, Conte interrotto in Aula mentre parla del meridione: “Forse il Sud non vi interessa… ma a molti italiani sì”

next