di Giuseppe Leocata*

Parlare di disabilità e lavoro in epoca di pandemia non è semplice e in un momento in cui il lavoro è sotto pesante attacco a causa del virus, in cui alcune persone sostengono che “è meglio morire di Covid che di fame” e in cui il premier Giuseppe Conte tenta di porre degli argini in mezzo a un mare molto mosso, i lavoratori con disabilità vanno gestiti in ambito aziendale come tutti gli altri: la ‘diversità’ è un valore aggiunto, anche per i normodotati.

In questi mesi si è dibattuto molto su ‘fragilità e lavoro’; i Dpcm dovrebbero dare maggiori indicazioni ed è necessario un sostanziale intervento della medicina nello stabilire dei confini all’interno dei quali muoversi per garantire più sicurezza ai lavoratori e una loro maggiore presenza al lavoro, ove e come possibile, fornendo linee guida generali a coloro che nelle specifiche realtà devono prendere delle decisioni operative a tutela dei lavoratori e delle imprese di afferenza, anche secondo il buon senso.

Si pensi, pure nella logica del ‘dopo di noi’, a come affrontano la problematica sia la società in toto, sia le associazioni di soggetti con disabilità sia le loro famiglie e quali possono essere i costi sia in termini di mancata assistenza e limitazioni alla crescita di queste persone sia quelli prettamente economici per la loro gestione (soltanto ad esempio un familiare già in difficoltà economiche che deve lasciare il lavoro per assistere il congiunto, senza alcun sostegno di un servizio pubblico …).

1. Le imprese pubbliche e private devono essere a conoscenza e fruire di quanto previsto nella L.68/99, in specifico le agevolazioni per l’assunzione mirata di soggetti con disabilità in relazione alle percentuali certificate e diverse in relazione alla posizione dei soggetti, disoccupati, in costanza di rapporto di lavoro e/o ‘deboli’ con disabilità psichica.

2. Altro aspetto sul quale sensibilizzare le imprese è quello del ‘Fondo Regionale’, ripartito a livello decentrato tra i Servizi Provinciali per il Collocamento Mirato e utilizzato per favorire l’integrazione lavorativa, attraverso azioni mirate e mediate dei Servizi per agevolare l’inserimento lavorativo dei disabili più deboli con interventi volti ad assegnare incentivi, contributi e ogni altra provvidenza utile a garantire forme di supporto e accompagnamento alla realizzazione di particolari adempimenti previsti dalle normative vigenti.

3. Va potenziato il ricorso all’avviamento mirato di soggetti definiti deboli all’interno di cooperative sociali di tipo B, con beneficio per i lavoratori con disabilità che fruiscono di tale opportunità e delle imprese che garantiscono commesse produttive alle dette cooperative.

4. Bisogna prevedere la fruizione del supporto dei ‘Servizi di Mediazione’ (pubblici o privati) che forniscono a imprese e a lavoratori con disabilità interventi finalizzati alla corretta collocazione di ciascuno e alla soddisfazione di entrambe le parti, nel ‘sistema domanda-offerta di lavoro’ e che svolgono pure l’accompagnamento a lavoro, tutoraggio.

L’attività di tutela della persona con disabilità non può essere volta a reperire per tutti i soggetti un’attività lavorativa ad ogni costo (alcuni possono essere avviati a cooperative sociali di tipo A con finalità di socializzazione e terapeutiche) e l’intervento non deve essere assistenzialistico; dall’altro lato le imprese devono prendere coscienza che il cosiddetto ‘collocamento’ non è più da tempo definito ‘obbligatorio’ ma ‘avviamento mirato’, con diverse opportunità.

In occasione dell’avviamento lavorativo vanno valutate alcune criticità per i lavoratori con difficoltà: progettazione dei posti di lavoro, pericolosità dei compiti specifici delle mansioni, barriere architettoniche, orari di lavoro, emergenze, pendolarismo (spostamenti casa-lavoro), disagio ed emarginazione, isolamento, servizi igienici e mense.

Un intervento su di queste deve presupporre una rete trasversale fra le figure aziendali coinvolte (datori di lavoro, dirigenti, preposti, medici competenti, Rspp, Rrlls, servizi risorse umane ed anche colleghi di lavoro) e pure con entità esterne alle imprese (istituzioni ed enti diversi per l’avviamento lavorativo mirato, servizi di medicina del lavoro territoriali e ospedalieri).

Si fa riferimento, infine, a due figure che possono essere cruciali nel caso in cui in azienda sia presente un soggetto con disabilità: il ‘tutor aziendale’ che affianca e aiuta il soggetto con disabilità in situazioni di emergenza con lo scopo di assisterlo con efficacia; il suo compito è limitato all’affiancamento e non comprende il soccorso che è demandato all’intervento di un professionista; l’altra figura di interesse è il Disability o Diversity Manager, persona ‘responsabile dell’inserimento lavorativo nei luoghi di lavoro’, con compiti di predisposizione di progetti personalizzati per le persone con disabilità e di risoluzione dei problemi legati alle condizioni di lavoro di questi soggetti.

Ma perché questo ‘ideale di sistema’ prenda forma e abbia un riscontro concreto nelle realtà aziendali è necessario porre attenzione e suggerire interventi che favoriscano:

1. Il rafforzamento della formazione e del tutoraggio per persone con disabilità occupate; formazione per sviluppare/adeguare le competenze professionali alla eventuale riconversione delle attività produttive dell’azienda;

2. L’orientamento dell’impresa nella definizione della policy aziendale sullo smartworking nell’individuazione delle mansioni potenzialmente affidabili;

3. L’Industry 4.0 che può essere messa a servizio delle aziende e delle persone al fine di compensare il gap fisico con tecnologie di supporto e permettere così ai lavoratori con disabilità di accedere a lavori che non potrebbero fare a causa delle loro limitazioni.

La gestione della disabilità in azienda non deve e non può ricadere soltanto sull’impresa, ma investe la società nel suo complesso e le strutture/enti deputati ai diversi passaggi, così come – in ambito aziendale – deve vedere una collaborazione di tutte le figure gestionali e operative ai differenti livelli, che devono contribuire per affrontare al meglio le problematiche connesse alla presenza di lavoratori con disabilità in azienda.

*Medico del lavoro, Ambulatorio Medicina Preventiva Lavoratori – Ospedale Maggiore Policlinico Milano, Esperto problematiche “Disabilità/ vantaggio Sociale e Lavoro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google, svolta storica, nasce il primo sindacato all’interno del colosso. Panico tra i magnati della Silicon Valley

next
Articolo Successivo

Venezia, la chiusura dei musei civici diventa un caso: dall’articolo di ‘Le Figaro’ alla raccolta firme. Il sindaco Brugnaro non arretra

next