Turchia e Gran Bretagna hanno siglato l’accordo di libero scambio dopo l’uscita del Regno dall’Unione europea. Un evento celebrato con una cerimonia in videoconferenza, che in Turchia si è tenuta presso il ministero del Commercio. “Questa nuova era nelle relazioni porterà mutui benefici”, ha detto la ministra turca del Commercio, Ruhsar Pekcan, secondo cui l’intesa offrirà l’occasione di “rafforzare ulteriormente il volume di scambi” bilaterali che lo scorso anno è stato di 16,3 miliardi di dollari.

L’accordo, definito lunedì sera dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan come “il più importante” per Ankara dopo l’unione doganale con l’Ue, entrerà in vigore dal 1 gennaio, quando sarà formalizzata la Brexit, e riguarderà “tutti i beni industriali e agricoli”: “È una giornata storica per le relazioni tra Turchia e Regno Unito”, ha aggiunto Pekcan spiegando che senza l’intesa il suo Paese avrebbe subito perdite per 2,4 miliardi di dollari, visto che tre quarti dei beni che esporta nel Regno Unito sarebbero stati soggetti a dazi. Ankara e Londra, ha aggiunto la ministra, lavoreranno comunque per cercare di espandere l’accordo anche ai servizi e agli investimenti per rafforzare ulteriormente l’interscambio.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolsonaro fa gol ma inciampa, cade e si fa male: la sua partita dura solo 10 minuti – Video

next
Articolo Successivo

Coronavirus, nuovo record di contagi in Gran Bretagna: oltre 53mila. Usa, primo caso di variante inglese. Fauci: “Picco fuori controllo”

next